EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Magazine - Focus - MARTEDIturismo

La svolta incoming delle agenzie di viaggio

09/04/2018 - numero Edizione 1546

“Gli agenti di viaggio che fanno incoming o outgoing sono degli eroi e combattono da soli”. E’ la riflessione di Ettore Cucari, presidente Fiavet Campania e Basilicata, che traccia per il presente e il futuro della categoria uno scenario prevalentemente dedicato alle attività incoming. “L’outgoing si è ridotto – ha segnalato – ora il cliente compra online e quindi bisogna istruire le adv a fare incoming, e a farlo da professionisti”. La legge regionale sul turismo non è ancora pronta, ha osservato Cucari, e nel frattempo non ci sono uffici del turismo validi. Cosa sta facendo la Fiavet? “Noi stiamo tentando di preparare i nostri associati – ha detto - puntando ad una specializzazione attraverso un prodotto accattivante in grado di creare nuovi posti di lavoro. Dobbiamo diventare più veloci e fare concorrenza al web”. Sono quasi 700 le agenzie in Campania (fino a qualche anno fa erano circa mille) “e noi stiamo battendo sui corsi. Teniamo presente che ci sono ancora tanti operatori che non conoscono l'inglese…”. Da qui la necessità di incrementare corsi non a pagamento per la formazione. “L’unico modo per garantire la propria sopravvivenza – ha aggiunto - è essere ben formati”.

Sopravvivenza che reti agenziali come Achille Lauro Netravel, 140 punti vendita con il brand Agenzia Amica, hanno ben cavalcato grazie alle alleanze con altri network come Marsupio e Fespit. “La nostra quota d’incoming si attesta sul 15%, ma la piattaforma tecnologica che stiamo approntando potrebbe dare una spinta al business – commenta Sebastiano Cultrera, responsabile comunicazione e sviluppo rapporti istituzionali -. In questi anni di boom dei viaggi in Italia, Il turismo individuale cerca nuove esperienze, desidera ‘racconti’ dai territori più che destinazioni e quale miglior posto del Sud Italia può soddisfare questo desiderio?”. La struttura tecnologica b2b sarà pronta nell’estate e darà alle agenzie del network la possibilità di commercializzare prodotti propri e l’offerta dei colleghi, così come estendere a partner esterni l’accesso. Avrà anche un’apertura b2c attraverso un meccanismo di fidelizzazione. La rete si pone l’obiettivo di affiliare 200 negozi entro il 2018. 



Paola Baldacci e Laura Dominici

TAGS

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte