EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Magazine - Economia

Cuba guarda avanti

04/11/2019 - numero Edizione 1580

Meno 26 per cento degli italiani. È questa la durissima percentuale di mancati arrivi che Cuba ha scontato quest’anno. Ma la Isla Grande non si piega e guarda avanti, con il coraggio di sempre.
“L'Italia costituisce uno dei principali mercati turistici dell'isola, occupando il decimo gradino nella top twenty dei Paesi di provenienza”, spiega Madelén González-Pardo Sánchez, consigliere dell’ufficio Affari turistici presso l’Ambasciata della Repubblica di Cuba. “Al 30 settembre abbiamo ospitato oltre 103mila turisti italiani, con una diminuzione del 26% rispetto all'anno precedente. La flessione è dovuta  al mancato sbarco di circa 24mila crocieristi, mentre gli arrivi per via aerea hanno avuto un comportamento molto simile all'anno scorso. Agosto è stato il mese che ha fatto registrare l’incoming più attivo da parte degli italiani”.

Gv: La situazione desta preoccupazione?
“Nonostante il blocco imposto dal governo degli Stati Uniti, non siamo in preda alla confusione o all'improvvisazione. Continuiamo a lavorare e a crescere. Abbiamo dovuto fronteggiare una situazione congiunturale legata alla carenza di carburante, ma ciò non ha impedito lo sviluppo dell'isola. Le scuole, gli ospedali, come qualsiasi altra struttura alberghiera e extra-alberghiera non hanno subito contraccolpi e tutti i turisti che ci hanno visitato hanno goduto appieno delle loro vacanze”.

Gv: Quali azioni sono previste per la prossima stagione?
“Siamo sicuri che lo sviluppo di azioni congiunte e tempestive garantirà una buona stagione invernale.
Stiamo lavorando su una maggiore efficienza nel marketing e sulla promozione della destinazione, l'introduzione di nuovi prodotti come il lussuoso hotel a 5 stelle Paseo del Prado, recentemente completato, all'Avana, che sarà gestito dalla catena francese Accor, l'incremento dei resort italiani, la promozione degli eventi culturali come la Havana Night, che si svolgerà il 15 novembre, in attesa di 500 anni dell'Avana e  degli eventi in programma per il prossimo anno.
Confidiamo ci promuova e diventi motivo per gli italiani di venire a Cuba anche il grande concerto del tenore Andrea Bocelli nel mese di dicembre al Morro Cabaña, per gentile concessione del tour operator Alpitour, nonché del gruppo Nomadi, un regalo per il cinquecentenario della capitale di tutti i cubani”.

Gv: Quale l’impegno per il futuro?
“L'industria turistica cubana continuerà a scommettere sugli italiani e a concepire azioni per realizzare i nostri sforzi e rafforzare i legami che uniscono i nostri Paesi. Ribadiamo anche in questa sede il nostro impegno a riceverli con la massima professionalità, in una Cuba autentica e ospitale che si offre come meta di pace, salute e sicurezza”.                         



Paola Olivari

TAGS

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte