EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Magazine - Paesi al microscopio - Oriente - Emirati

Il Qatar si riposiziona

04/11/2019 - numero Edizione 1580

Continuano a registrare un trend molto positivo, con una percentuale di crescita a doppia cifra nel 2019: si tratta degli arrivi dall’Italia in Qatar. Da gennaio a settembre hanno visitato il Paese 35.650 turisti tricolori, il 40% in più rispetto allo scorso anno. Cruciali i primi mesi dell’anno: da gennaio ad aprile gli arrivi dall’Italia sono stati 24.563 (+47% rispetto al dato del 2018). “Febbraio è stato un mese da record – commentano dall’ente -, con oltre 7.000 arrivi e un +97% rispetto all’anno precedente”.
Ai risultati ha contribuito anche l’impegno della compagnia di bandiera Qatar Airways, che opera 56 collegamenti settimanali da quattro aeroporti: Milano Malpensa, Roma, Venezia e Pisa.
Qatar National Tourism Council ha siglato importanti partnership con i principali t.o.  italiani, “con l’obiettivo di promuovere Doha sia come destinazione finale,  sia come uno stopover ad alto valore aggiunto nelle rotte long-haul verso Asia, Oceano Indiano e Africa – spiegano dall’ente -. In tal senso sono numerose le attività di co-marketing dedicate al trade: eventi formativi per gli agenti di viaggi e il booking, famtrip alla scoperta del Paese e della sua variegata offerta turistica e campagne pubblicitarie co-branded rivolte al consumatore finale. È inoltre attivo un programma permanente di formazione, TawashQatar.com, che conta oggi 1.084 agenti iscritti, di cui 447 certificati come ‘esperti’ nella vendita della destinazione”.
La capitale Doha, sempre più al centro dei flussi turistici internazionali e del turismo sportivo, ospiterà i Mondiali di Calcio Fifa 2022,  la Coppa del Mondo per Club Fifa a dicembre 2019 e i Campionati Mondiali di nuoto Fina nel 2023.
I lavori più importanti al momento riguardano l’aeroporto Internazionale Hamad, in fase di ampliamento, e la metropolitana di Doha. La prima fase dei lavori terminerà nel quarto trimestre del 2019, con 13 delle 18 stazioni della linea rossa già operative dallo scorso maggio. Per quanto riguarda l’ospitalità, hanno recentemente aperto diverse strutture: il Pullman Doha nell’area di West Bay, l’Al-Najada Doha Hotel e il Souq Al-Wakrah Hotel entrambi del gruppo Tivoli Hotels & Resorts, il 5* Park Hyatt Hotel, l’Alwadi Hotel Doha, parte del MGallery Group by Accor Hotels e il Mandarin Oriental Doha, questi ultimi tre situati nel quartiere Msheireb Downtown Doha, un innovativo progetto di riqualificazione urbana che ha messo al centro la sostenibilità ambientale. E’ inoltre prevista l’apertura di 112 strutture, che andranno ad arricchire la già diversificata proposta alberghiera sia in città che sulla costa.                   



Nicoletta Somma

TAGS

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte