EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

I problemi dell’estate: gestire il repricing dei t.o.

08/05/2013 12:12
La distribuzione dovrà fare i conti con le ripercussioni delle leve utilizzate dai t.o. per affrontare la riduzione della domanda, ma dovrà anche cercare nuovi ambiti di mercato per sopperire alla riduzione di fatturato del target medio. E' l’analisi tracciata da Manuela Marazzini, responsabile marketing e prodotto LeMarmotte, in risposta al sondaggio lanciato da Guida Viaggi
Gestire le ripercussioni delle leve utilizzate dai t.o. per affrontare la riduzione della domanda (repricing, riduzione impegni charter, riduzione offerta) e individuare nuovi ambiti di mercato per colmare la riduzione del fatturato del target medio. Sono questi, secondo Manuela Marazzini, responsabile marketing e prodotto LeMarmotte, i due aspetti che caratterizzeranno i problemi che la distribuzione dovrà affrontare questa estate, tema preso in esame dal sondaggio lanciato da Guida Viaggi.
Il quadro tracciato dalla manager vede le adv che dovranno “destreggiarsi tra i continui repricing dei t.o, che hanno accompagnato fino ad ora la stagione, ma certamente continueranno nei prossimi mesi. A ciò si aggiunge la scarsa disponibilità di voli legata alla riduzione degli impegni sui charter che porterà le agenzie a sfruttare le opportunità offerte dalla linea e dalle low cost - afferma Marazzini -, motivando ai clienti le conseguenze connesse ai flussi di pagamento”.
C’è poi un altro aspetto, che in realtà è iniziato nel 2012, ma che si è acuito nel 2013, ed è legato “alla riduzione dell’offerta charter tradizionale su alcune destinazioni. Questa situazione - osserva la manager - consentirà alle adv intraprendenti di distinguersi con prodotti e soluzioni costruiti su misura per i clienti anche sul corto e medio raggio”.
Non ultima la concorrenza web, ormai capace di interessare un target sempre più allargato. Le soluzioni? Secondo Marazzini è necessario “rafforzare le partnership con pochi t.o. con i quali pianificare programmazioni dedicate. In alcuni casi non si può escludere la disintermediazione, per lo più per alcune destinazioni o tipologie di prodotti dove la distribuzione coglie l’opportunità di fare direttamente”. Il sondaggio è attivo anche sui nostri canali social Facebook e Twitter. Per chi volesse twittare con @Gvlive l'hashtag è #ditelavostra. s.v. @Gvlive

TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte