EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Renzo Iorio: “I nostri hotel non sono più cari”

01/07/2014 12:29
Da Federturismo Confindustria la difesa delle vacanze in Italia: tariffe invariate dal 2012, è il carico fiscale ad infierire
“l’Italia è al vertice delle classifiche europee per maggiore tassazione, non per i più alti costi delle vacanze”. Il presidente di Federturismo Confindustria Renzo Iorio difende la posizione del Belpaese dopo lo studio di questi giorni della Coldiretti secondo il quale le spese per hotel e ristoranti in Italia è superiore del 10% rispetto alla media degli altri paesi del Mediterraneo.
Il rischio temuto è “di scoraggiare quella fetta di italiani ancora indecisi su quale meta scegliere per le loro vacanze e quei 26 milioni di stranieri in arrivo nel nostro Paese per il periodo estivo”, commenta.

Non siamo comparabili
L’Italia – come la Francia del resto – non è comparabile “con paesi che operano in regimi di dumping sociale sul costo del lavoro ed inoltre occupa purtroppo il vertice delle classifiche europee per maggiore carico fiscale: è dopo l’Ungheria il secondo Paese in Europa ad aver conosciuto il più alto aumento di tassazione rispetto al pil passando dal 42,4 al 44%”, chiariscono dall’associazione. I prezzi degli alberghi in Italia nel 2013 sono rimasti invariati rispetto al 2012 a differenza di quanto accade in Spagna in cui si è registrata una crescita del 3% o in Portogallo e in Germania in cui l’incremento è stato del 5%.

TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte