EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

La nuova Alitalia svela la sua strategia

20/01/2015 14:33
Previsti altri interventi economici fino a 1mld e 760 mln, che serviranno ad ampliare la flotta e a intervenire in tutti quei campi ove è necessario un cambiamento
Arriverà l'utile nel 2017 e sarà di 100 mln di euro. Lo ha annunciato oggi il nuovo presidente Alitalia, Luca Cordero di Montezemolo, sicuro che la compagnia, rinvigorita dai 560 milioni versati da Etihad, potrà mettere mano a tutti i cambiamenti e alle strategie necessarie per diventare una società di trasporto internazionale. “La compagnia ha vissuto in questi anni momenti drammatici. Si deve guardare al futuro senza più parlare del passato – ha invitato il manager -. Questa sarà una società che, con la forza del suo brand, ritornerà ad essere l'ambasciatrice dell'Italia nel mondo, cambiando il servizio, ampliando il network e trattando i clienti come ospiti”.
Dal canto suo il presidente di Etihad e vicepresidente Alitalia, James Hogan, ha ribadito che uno dei mali di Alitalia è stato quello di avere la mentalità dell'azienda pubblica, dove ogni debito viene ripianato. “Noi vogliamo che dal nostro accordo nasca un business di successo e vogliamo dare forza ed energia a questa nuova compagnia, che rimarrà italiana. Inoltre - ha proseguito - ci saranno altri interventi economici fino a 1mld e 760 mln che serviranno ad ampliare la flotta e a intervenire in tutti quei campi ove è necessario un cambiamento. Ma siamo concentrati sui ricavi e ribadiamo il fatto che non siamo una banca”.
Silvano Cassano, nuovo ceo, ha iniziato il suo intervento lanciando un'accusa a chi ha permesso quell'entrata massiccia delle low cost in Italia, che ha pesantemente danneggiato Alitalia. “Noi stiamo costruendo la nuova Alitalia. Passione e tecnologia ci aiuteranno. Metteremo il cliente in cima alla piramide facendogli provare un'esperienza a 5 stelle. Con Etihad e gli altri accordi di codesharing voleremo in tutto il mondo. Riposizioneremo Linate e Malpensa, ci riprenderemo tutto il business del Nord Italia”.
A chiudere l'incontro di oggi a Roma Montezemolo e Hogan. Il primo ha ricordato che Alitalia perde ancora una cifra notevole di denaro ogni giorno. Hogan, che tornerà a riassumere, se la compagnia avrà il successo che tutti auspicano possa avere. a.to.

TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us