EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Lazzerini/Emirates: “Investiamo sul trade perché spiega i servizi”

23/06/2015 09:15
Il valore delle agenzie di viaggi lungo l'asse “costi-benefici”. Entro fine luglio il processo di acquisto unico treno (Trenitalia) più aereo
“La nostra vicinanza con il trade è storicamente riconosciuta, la stiamo riprendendo ancor di più in questi anni. Raggiungere i clienti direttamente è un processo più complicato da gestire, soprattutto se si tratta di clientela business. Da sempre riconosco il valore della distribuzione turistica, dal mio precedente percorso professionale, e non posso che ribadirlo: se dai tanti servizi, devi avere il canale giusto che li spiega”.
Così Fabio Lazzerini, direttore generale Emirates in Italia, chiamato a commentare le mosse delle compagnie aeree che da settembre addebiteranno 16 euro di fee ai biglietti effettuati via gds.

Premesso che “non discutiamo le strategie delle altre compagnie”, il manager pone il caso di un’agenzia di viaggi partner di Emirates che, conti alla mano, ha dimostrato a un’azienda cliente il vantaggio di servirsi del transfer in limousine (incluso nel biglietto per business class e Prima) per i propri dipendenti, da casa all'aeroporto. “Questa agenzia ha presentato lo studio dei costi e benefici all’impresa – spiega il manager -. Quale sito web lo fa? Abbiamo bisogno di questo approccio, ecco perché investiamo nel trade con piani d’incentivazione e una rete vendite dedicata”.

Biglietto unico con Trenitalia entro luglio
Va nella direzione di una relazione sempre più stretta con il trade anche l’iniziativa del biglietto unico con Trenitalia, da intendersi come “un processo di acquisto unificato”, precisa il responsabile vendite corporate e trade della compagnia ferroviaria, Serafino Lo Piano. “Stiamo lavorando alacremente per renderlo disponibile – continua -, in Italia Emirates è la prima compagnia aerea ad attuarlo”. Nel nostro Paese l’operazione prevede l’integrazione dei sistemi di booking, che contempli i treni con prenotazione obbligatoria e una volta che questo sarà avvenuto il codice Ek varrà per tutto il percorso treno più aereo. In Germania, ad esempio, tra compagnie aeree e ferroviarie questo è già possibile attraverso i Gds, in un contesto in cui per i treni Av non è obbligatoria la prenotazione. “Speriamo di finalizzare l’accordo d’interline che porterà al biglietto unico con codice Ek entro fine luglio – spiega Lazzerini -. Trenitalia è un ottimo partner per i feederaggi da più scali e per ampliare le aree di catchment. Ai nostri passeggeri di business regaliamo il biglietto del treno in ugual classe, più la limousine per raggiungere l’aeroporto”.
Intanto oggi su tutti i siti Emirates del mondo compare un pop up per la prenotazione del biglietto ferroviario italiano. p.ba.

TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us