EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Alitalia incontra il Governo: chiarezza sul piano

09/01/2017 09:30
Presentazione del piano di ristrutturazione dell’azienda il tema dell’appuntamento. Il governo chiede dettagli su tagli e programma di rilancio

Il piano di ristrutturazione e rilancio di Alitalia verrà discusso oggi al ministero dello Sviluppo economico nell’ufficio di Carlo Calenda. Da una parte del tavolo ci saranno i colleghi dei Trasporti Graziano Delrio e dell’Economia Pier Carlo Padoan, dall’altra l’amministratore delegato Cramer Ball, il presidente di Etihad e vicepresidente della compagnia James Hogan, mentre, secondo quanto spiega lastampa.it, Luca Cordero di Montezemolo non sarà presente. La riunione dovrà fare chiarezza sui sacrifici necessari al rilancio dell’azienda, soprattutto sui tagli dei costi e del personale: l’ipotesi più probabile è l’uscita di 1.600 dipendenti. Mercoledì ci sarà l’appuntamento tra azienda e sindacati.

L’esecutivo chiede chiarezza rispetto al futuro di un’azienda considerata strategica. “Vuole i dettagli del piano – riporta il quotidiano torinese, dei suoi costi e cosa hanno in mente di fare gli azionisti di peso come Intesa SanPaolo e Unicredit”.

La tensione tra i soci è innegabile, basti dire che da qualche giorno circolano le voci di una soluzione italiana per sostituire Ball. Il governo vuole che Alitalia prosegua con le proprie gambe. Per il governo la compagnia, dopo essersi assicurata la sopravvivenza per alcuni mesi con lo sblocco di linee di credito poco prima di Natale, deve accelerare la fase due del piano industriale.

Tre le linee d’azione: riduzione aggressiva dei costi, rinegoziazione degli accordi di partnership (Alitalia considera penalizzante l’accordo con Delta), e soprattutto un rivoluzionario modello di business. Ai piani alti di Alitalia lanceranno presto una sorta di sdoppiamento della compagnia: da un lato il tradizionale servizio di Alitalia sulle rotte a lungo raggio, dall’altra un nuovo modello per il breve-medio raggio, ovvero per i voli nazionali ed europei. Sugli stessi aerei si potrà volare business o low cost. Si potrà comprare solo il posto o un’offerta più completa con il bagaglio, il pranzo, un posto più comodo, o l’accesso alla lounge. Intanto sul lungo raggio low cost si sta muovendo anche il gruppo Iag, che ha annunciato la partenza del piano dall’aeroporto spagnolo di El Prat. l.d.


TAGS

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Consulta gli ultimi annunci inseriti