EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Resaneo incrementa le direct connection

24/10/2017 12:14
Aegean airlines e Volotea sulla piattaforma di voli b2b che integra Ndc. In arrivo il Gruppo Iag

Con 14 mesi di “anzianità” in Francia, il direct connect offerto da Resaneo alle agenzie di viaggi ha valso al Gruppo Lufthansa il 44% delle vendite di biglietteria. Un risultato oltre le aspettative per la virata più rischiosa da parte di una società di trasporto aereo commerciale, quella che implica chiamarsi fuori dai gds e convincere aziende e distribuzione turistica a prenotare con il nuovo protocollo Ndc.

“Di New Distribution Capability siamo provider pilota sia in Francia, dove serviamo 3600 agenzie di 6mila totali, sia in Italia; la lista di vettori che adotteranno il nuovo linguaggio di Iata è destinato a crescere”, esordisce Gregory Sicignano, country manager della piattaforma di prenotazione voli al 100% b2b. Volotea ha già firmato per svilupparlo in Italia con Resaneo, Aegean comincia a farlo sui voli interni, il Gruppo Iag con British airways e Iberia è in colloqui. Sono 200 le adv codificate del Belpaese, con l'obiettivo di arrivare a mille nel 2018.

“Per le agenzie, andare sulla direct connection è un percorso molto vantaggioso”, afferma Sicignano. Ma non solo per la distribuzione, lo sarà per le stesse compagnie, tolti gli investimenti iniziali. A pensarci bene la trasformazione è partita con un processo di omologazione dei modelli.

“Il mondo delle linee aeree, tradizionali e low cost, si è capovolto, i due modelli si sono avvicinati: mentre le une toglievano per contrastare l’offensiva delle lcc, le altre aggiungevano, finché siamo giunti oggi a tariffe molto simili tra le due offerte – osserva il chief procurement officer, François Garrabos -. Ad un certo punto è cambiato anche l’approccio al trade: le compagnie a tariffe stracciate sono salite sui gds e le ‘legacy carrier’ oggi vanno su Ndc o le direct connection”. L’unica distinzione, fa notare Garrabos è nei pagamenti b2b: chi sta sul Bsp e chi non utilizza il billing settlement plan di Iata. Quello che ad Alitalia costa 100 milioni di euro. Ryanair lo evita totalmente ed anche in questo Resaneo fornisce una soluzione, che con i casi di cancellazioni dei voli ha permesso alle adv francesi di svolgere le procedure di rimborsi senza grattacapi.

“Abbiamo gestito tutte le problematiche, dalle telefonate ai call center della compagnia, a nostro carico, alle remissioni – spiega Sicignano -: noi abbiamo con Ryanair un canale privilegiato, siamo per loro un merchant e acquistiamo i biglietti. Dopodiché emettiamo fattura all’agenzia di viaggio, inclusiva di fee, senza distinzione tra le voci; la fattura ha un prezzo unico, quello del biglietto. Garantiamo al punto vendita un documento fiscale corretto”.

Per l’adv la piattaforma è gratuita, si paga sempre in euro, anche i voli delle compagnie aeree asiatiche. p.ba.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte