EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

L'autonoleggio?:"Siamo nell'era della mobilità liquida"

01/01/2018 11:25
Come ci muoveremo nel futuro, quali le startup che stanno cambiando di più questo mercato e come sta evolvendo il car rental tradizionale. Ne abbiamo parlato con Riccardo Mastrovincenzo di Europcar Italia

Vehicle sharing, noleggio con conducente, piattaforme di mobilità. Sono queste le nuove frontiere del mondo dell'autonoleggio. A dirlo sono gli stessi grandi player, che stanno investendo su una nuova mobilità integrata e guardano con interesse alle startup di settore per includerle in portfolio.Tra le realtà che più credono in queste nuove strade c'è il gruppo Europcar, che tre anni fa ha costituito a Parigi Europcar Lab, incubatore di mobilità la cui mission è quella di studiare le tendenze del mercato della mobilità, condurre ricerche, incontrare startup, elaborare prototipi ed eventualmente lanciarli sul mercato. 

"Il mercato della mobilità, mi piace dire che è diventato liquido, i confini sono cambiati, tra noleggio breve, lungo, car sharing. Una cosa è certa, il cliente ha bisogno di spostarsi e lo fa con i mezzi che trova più facili e convenienti " ha spiegato a Guida Viaggi, Riccardo Mastrovincenzo responsabile marketing & direct sales executive di Europcar Italia e ancora: "Oggi per rispondere alle sfide del mercato, devi chiederti chi vuoi essere, la nostra esperienza come gruppo deve essere un asset sui cambiamenti di settore. Così dopo aver valutato un centinaio di startup, ne abbiamo scelte 5 a livello globale, su cui investire, da includere nel nostro portfolio". In ambito car charing il gruppo ha quindi investito in Ubeeqo, Guidami, in E-Car Club nel Regno Unito, in GoCar in Irlanda e Bluemove in Spagna. Inoltre Europcar ha acquistato al 100% Brunel, driver service di alto livello che copre 70 paesi nel mondo. Un servizio, quest'ultimo, che mette l'azienda, in diretta concorrenza con Uber. "Oggi Uber rappresenta un leone in questo mercato, ma non ci spaventa che ci sia, perchè il settore del driver service ha le stime più alte di crescita, quindi c'è spazio per tutti per fare bene".

Ma non solo. Europcar, guarda anche al peer-to-peer tra privati: "Abbiamo investito una parte in SnappCar presente in Nord Europa, il mercato culturalmente più avanzato in questa direzione, e in Italia abbiamo una partecipazione minoritaria in Wanderio. E' una startup che fa multimodalità, piattaforme in cui il cliente entra, indica dove vuole andare, e vengono fornite tutte le opzioni migliori anche in termini di prezzo e mezzi per arrivare a destinazione". Che si vada oltre al classico autonoleggio? "Sì, in prospettiva si tratta per noi di acquisire know how per andare oltre al car rental tradizionale e pensare a una mobilità integrata che possa, oltre alla macchina, includere anche treni, shuttle bus e bus a lunga percorrenza", ha concluso Mastrovincenzo. a.g.

 

 

 

 

 


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us