EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Incoming, un 2018 all'insegna della positività

29/12/2017 14:30
Un'indagine condotta da Enit sui mercati internazionali segnala un trend di crescita su tutti i principali Paesi di provenienza dei flussi turistici; tour operator internazionali ottimisti

Un focus sulle previsioni di arrivi stranieri in Italia nel 2018. Lo fa l’Enit con il tradizionale monitoraggio di fine anno. In linea generale le stime sono ottimistiche e il focus sui singoli mercati vede ad esempio l’area tedesca in progressione per quanto riguarda il turismo organizzato. I tour operator svizzeri intervistati si aspettano incrementi del 5/6% nel prossimo anno per le partenze verso l’Italia.

Nei Paesi Bassi per il prossimo anno si stima un aumento delle prenotazioni per l’Italia. In Belgio si sono equiparate le quote di quanti hanno definito in aumento la domanda di viaggi verso l’Italia e di coloro che, al contrario, hanno rilevato una flessione, a causa del tasso d’inflazione in crescita.

In merito al Regno Unito, l’incremento delle vendite verso l’Italia è stimato nell’ordine del 10%, ma anche la Francia prevede un incremento di prenotazioni verso il nostro Paese.

Ancora più rilevanti le stime di crescita della Spagna verso l’Italia, con un range che va da un +13 ad un +15% rispetto all’anno in corso.

E se lo studio di Enit presso i tour operator dell’area scandinava ha rilevato una generale stabilità nelle vendite delle destinazioni Italia nel periodo natalizio, vede invece positive le stime rilevate dei flussi turistici organizzati verso il Bel Paese per tutto il 2018.

All’interno del monitoraggio Enit, una parte considerevole è dedicata al ruolo ricoperto dall’Europa dell’Est. Negli ultimi anni in Russia il turismo ha dovuto scontare il cambio sfavorevole del rublo, ma per il prossimo anno sono col segno più le previsioni e sempre per il 2018 ci si aspetta da Budapest un incremento stimato tra il 2 e il 3%.

Segnali positivi, inoltre, per gli arrivi dagli Stati Uniti e dal Canada si ipotizzano aumenti compresi tra il 10 e il 15%.

Buone le prospettive per il 2018 anche in Sud America: si ipotizza una crescita del mercato Italia venduto in Brasile tra il 10 e il 20%. La situazione è analoga in Argentina.

Per quanto riguarda i restanti mercati, il monitoraggio assicura che proseguirà il trend positivo dalla Cina all’Italia anche per tutto l’arco del prossimo anno (+10/15%). Da sottolineare che in Giappone il 100% degli operatori dichiara positivo il trend per il prossimo anno, con una crescita del mercato Italia del 16%.  Prospettive ottimistiche anche per Corea e Australia in particolare, dove gli operatori stimano una crescita del 25%.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte