EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Direttiva pacchetti: le tre richieste di Astoi

27/04/2018 08:33
L'associazione è stata audita dalle Commissioni Speciali riunite di Camera e Senato sullo schema di decreto legislativo recante attuazione della direttiva Ue 2015/2302

"Scongiurare il proliferare del contenzioso giudiziale, rischio molto concreto dovuto a previsioni o aree grigie del testo che lasciano numerosi margini di incertezza interpretativa o ampio spazio a comportamenti che, verosimilmente, contribuiranno ad accrescere il numero dei procedimenti innanzi ai giudici; riequilibrare le responsabilità e gli oneri ai quali i tour operator sono sottoposti, evitando un ingiustificato ed iniquo aggravio di costi per queste imprese; non creare incongruenze o disallineamenti tra la nuova normativa e le previsioni contenute nel nostro ordinamento giuridico".

Sono queste le tre richieste avanzate da Astoi, che, nella persona del direttore generale, Flavia Franceschini e del consulente legale dell'associazione, avv. Silvana Durante, è stata audita dalle Commissioni Speciali riunite di Camera e Senato sullo schema di decreto legislativo recante attuazione della direttiva (Ue) 2015/2302, relativa ai pacchetti turistici e ai servizi turistici collegati.

In tale occasione l'associazione ha ricordato di aver partecipato attivamente ai lavori preparatori del tavolo tecnico istituito presso il Mibact e, allo stesso tempo, ha evidenziato come lo stesso Ministero, nella relazione illustrativa, abbia chiarito che, per via dei tempi ristretti per l'attuazione della direttiva, non sia stato poi avviato un ulteriore confronto con le associazioni coinvolte sullo schema di decreto di recepimento. Astoi ha ricordato che i t.o. sono imprese che risiedono sul territorio nazionale, pagano le tasse in Italia e sono i primi destinatari del testo di prossima emanazione.

L'associazione ha prodotto una memoria, depositata agli atti e contenente alcune proposte emendative relative, in particolare, agli artt. 41, 42 e 46 dello schema di decreto. Ora non rimane che attendere il testo definitivo.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us