EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Nasce il nuovo governo: Alberto Bonisoli ministro Beni Culturali e (per ora) Turismo

01/06/2018 09:18
Sembra però che vi sia ancora una speranza di avere il ministero del Turismo separato dal Mibact. Ieri in tarda serata Gianmarco Centinaio ha comunicato che sarebbe previsto il trasferimento nel primo Cdm

"Accordo fatto", è nato il governo di Movimento Cinque Stelle e Lega, dopo 88 giorni trascorsi dal voto. Come si sa il presidente del Consiglio è Giuseppe Conte, vicepresidente del Consiglio e ministro del Lavoro Luigi Di Maio (M5S); vicepresidente del Consiglio e ministro dell’Interno Matteo Salvini (Lega).

Per quanto riguarda il turismo, Alberto Bonisoli (M5S) è il ministro dei Beni Culturali e Turismo. Il suo nome era già stato citato dal leader del Movimento 5 Stelle. Si conferma lo schema attuale che vede riuniti Cultura e Turismo sotto lo stesso tetto del Mibact. Design, moda e formazione sono i suoi ambiti di competenza. Bocconiano, classe 1961, è il ministro che succederà a Dario Franceschini con l'incarico di portare avanti la promozione del patrimonio culturale italiano, e per ora, anche le politiche per il turismo, per il quale il neo ministro pensa ad una "promozione più forte all'estero e ad un maggiore coordinamento centrale". Vuole puntare su di un turismo di qualità e sulla accoglienza degli studenti stranieri, "che poi tornando in patria sono i nostri migliori ambasciatori", ha rilasciato a Il Sole-24 Ore. 

Sembra, però, che vi sia ancora una speranza di avere il ministero del Turismo separato dal Mibact. Ieri in tarda serata Gianmarco Centinaio ha comunicato che è previsto il trasferimento del Turismo con l’Agricoltura già nel primo Cdm. 

Gian Marco Centinaio è, invece, ministro dell'Agricoltura. Il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti è Danilo Toninelli (M5S). 

In totale sono 18 ministri, di cui 5 donne, giureranno oggi al Quirinale alle 16.

A sbloccare l'impasse è stato un cambio di ruolo per Paolo Savona, il professore anti-euro cui Sergio Mattarella aveva negato il ministero dell'Economia, ora, come si legge sulla stampa nazionale, avrà la delega alle Politiche europee. 

Il nuovo governo nascerà ufficialmente, all'inizio della prossima settimana, con il voto di fiducia in Parlamento di M5s e Lega. 


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us