EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

L’Appia diventa attrattore culturale

14/07/2018 09:33
Oggi l’inaugurazione della mostra fotografica documentaria multimediale al Nuovo Teatro Giuseppe Verdi di Brindisi, occasione per lanciare un nuovo circuito turistico culturale del centro storico

L’Appia ritrovata in cammino da Roma a Brindisi, di Paolo Rumiz e compagni è il titolo della mostra fotografica documentaria multimediale che sarà al Nuovo Teatro Giuseppe Verdi di Brindisi dal 14 luglio al 28 ottobre. La mostra prodotta nel 2016 da Società Geografica Italiana in occasione del Festival della Letteratura di Viaggio (a Roma dal 20 al 23 settembre) racconta la prima grande via europea tra Roma e Brindisi, percorsa a piedi in 29 giorni di cammino nel 2015 da Riccardo Carnovalini, Paolo Rumiz, Alessandro Scillitani e Irene Zambon con l’idea di tracciare il percorso integrale della madre di tutte le vie.

“L’Appia è un attrattore culturale – spiega il geografo Simone Bozzato, professore associato dell’Università degli Studi di Roma Tor Vergata e autore del libro Ambiente Paesaggio e Turismo ( ed Universitalia) - che sintetizza al meglio la vocazione turistica di Brindisi”.

La mostra promossa da Regione Puglia – Assessorato Industria Turistica e Culturale, Gestione e Valorizzazione dei Beni Culturali e prodotta da Società Geografica Italiana in collaborazione con il Polo Biblio Museale di Brindisi e la Fondazione Nuovo Teatro Nuovo, ha il patrocinio del Ministero dei Beni Culturali e delle attività Culturali e del Turismo  e del Comune di Brindisi.

L’inaugurazione della mostra – il 14 luglio alle 19,30 - è l’occasione per lanciare un nuovo circuito turistico culturale del centro storico di Brindisi che verrà promosso con una brochure dedicata in doppia lingua (italiano e inglese) per mettere a sistema i siti che quest’area custodisce. Le tappe del circuito si muovono dalla mostra verso l’area archeologica S Piero degli Schiavoni (conservata sotto al teatro), la sala della Colonna di Palazzo Granafei Nervegna, il museo archeologico Francesco Ribezzo e le Colonne Romane in via delle Colonne. o.da.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte