EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Caldana: incoming e Mice tra le strategie

11/10/2018 15:38
In atto lo sviluppo "di un prodotto più selezionato di strutture da poter proporre anche sui mercati stranieri", dichiara Dario Caldana

Tra le strategie portate avanti da Caldana Europe Travel c’è lo sviluppo dell’incoming. In termini di richieste è soprattutto Italia, "anche se dipende dal mercato, per esempio è richiesta anche l'abbinata Italia+Francia. Ciò che si può notare è che ora sono richiesti un paio di Paesi, non di più, diversamente da come avveniva prima, dove i tour incoming abbinavano più destinazioni", afferma a Guida Viaggi, il presidente, Dario Caldana.

Lo sviluppo dell'incoming dalla Cina è stata anche l'occasione per avviare dei discorsi sul Mice, "in particolare su questo Paese, anche per gruppi da 350 persone - racconta il manager -, così come è stato fatto a Bracciano al Castello Orsini-Odescalchi. Puntiamo a sviluppare questo discorso visto che c'è tanto interesse per l'Italia in questo settore - osserva il manager -, cercando qualche cosa di particolare da poter proporre legato al nostro Paese".

Per questo è in atto lo sviluppo "di un prodotto più selezionato di strutture da poter proporre anche sui mercati stranieri". Quali sono i bacini più interessanti da presidiare? "Il Medio Oriente - afferma Caldana -, l'Arabia Saudita, l'area del Golfo Persico hanno una potenzialità di mercato molto alta e soprattutto c'è voglia di viaggiare". 

C'è un aspetto che il manager vuole sottolineare ed è legato al fatto che, per poter sviluppare un discorso incoming, bisogna fare un lavoro dedicato al bacino di interesse, fatto di costanza e di contatti continui con quel mercato, per esempio "noi seguiamo da cinque anni la fiera di Dubai, da dieci anni abbiamo un ufficio in Cina, il Canada lo abbiamo iniziato a seguire sei anni fa e lo stiamo consolidando. Bisogna investire con continuità e coerenza", afferma Caldana. 

In termini generali il manager è soddisfatto, "si consolida il lavoro fatto ed anche le nuove opportunità che si aprono". In termini di numeri, Caldana mette a segno un +18% di passeggeri e fatturato, Utat circa un +10%, "per il 2019 ci sono buone attese", annuncia il manager. s.v.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte