EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Chiusura Linate, ultimatum di Enac ai vettori

12/10/2018 10:54
L'ente ha inviato una diffida a 14 compagnie ritardatarie che vendevano biglietti nei mesi di stop dell'aeroporto; Alitalia ha già aggiornato i suoi sistemi

L’Enac ha inviato ieri una comunicazione urgente a tutte le compagnie aeree operative a Linate chiedendo loro di smetterla — entro oggi — di vendere i biglietti da e per lo scalo cittadino nel periodo in cui la struttura sarà fuori uso per il rifacimento della pista, dal 27 luglio al 27 ottobre 2019. La presenza dei voli "fantasma" è stata messa in luce dal Corriere della Sera: presi i primi undici vettori presenti a Linate, scrive il quuotidiano, nove vendevano i biglietti nei tre mesi di stop per lavori, uno non aveva ancora inserito i collegamenti sul proprio sito, il rimanente risultava l’unico "virtuoso", avendo fatto sparire dalla propria piattaforma i viaggi dal 27 luglio in avanti.

Ieri la mossa dell’Enac: nella diffida formale inviata a 14 compagnie (compresa anche una fallita: Air Berlin) l’ente nazionale esordisce ricordando alle società che erano state informate della chiusura "con una nota del 17 luglio 2018", rammenta il quotdiano. Ma nonostante "la tempestiva formale comunicazione" e nonostante le compagnie "siano state convocate a riunioni aventi per oggetto il temporaneo trasferimento da Linate a Malpensa per il periodo interessato dai lavori", i loro siti web "non sono stati aggiornati con le necessarie informazioni all’utenza. Di conseguenza il passeggero che acquista il biglietto per un volo da/per Linate nel periodo dal 27 luglio al 27 ottobre 2019 non è in grado di sapere della temporanea chiusura dello scalo", critica l’Enac. Che, prosegue ancora Il Corriere, "intima" ai vettori di "modificare il proprio sito con le complete e chiare informazioni relative al trasferimento dei voli su Malpensa" entro oggi e di "avvisare entro la stessa data i passeggeri che già hanno acquistato il biglietto per voli da/per Linate nel periodo sopraindicato",di "riproteggere o rimborsare gli utenti che intendono rinunciare al viaggio". Chi non dovesse mettersi in regola, continua l’ente, sarà segnalato per pubblicità ingannevole all’Autorità garante della concorrenza e del mercato "per l’eventuale apertura di un procedimento sanzionatorio".

Alitalia, il principale operatore a Linate con una quota del 66% dei voli e dei posti a disposizione, si è mossao per tempo ed è in regola: il vettore trasferirà i propri collegamenti — durante i tre mesi di chiusura dello scalo cittadino — a Malpensa, aggiungendo quattro voli giornalieri da Bergamo-Orio al Serio a Roma-Fiumicino (che si sommano ai nove quotidiani dallo scalo in provincia di Varese) con velivoli Embraer in dotazione a CityLiner, la divisione regional di Alitalia.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte