EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Enit verso il piano 2019-2021, dalla prima riunione con le sedi estere

15/10/2018 15:30
Maria Elena Rossi, direttore marketing: “Partiamo dal valore economico, il brand Italia non va svenduto”. Al via il toto-nomine del consiglio direttivo dell'Agenzia

“Un incontro importante in cui ho avuto la possibilità di accogliere la loro visione dall’esterno, uno sguardo sull’Enit e sull’Italia molto prezioso”, così Maria Elena Rossi, direttore marketing dell’Agenzia di promozione del Belpaese racconta della prima riunione con i coordinatori delle sedi estere. 29 oggi gli uffici, propri o presso ambasciate o altre istituzioni italiane.

“E’ stata la prima volta e ci siamo incontrati per tre giorni, con anche sessioni di formazione. L’ente è in una lunga fase di trasformazione aziendale, come ben sapete, con nuove governance e personale – continua Rossi -: alla forma deve seguire la mission, perciò stiamo definendo la strategia del triennio 2019-2021 e ho sentito la necessità di condividere con loro questo percorso verso il piano triennale”. Nelle competenze di Rossi ci sono funzioni cruciali come il coordinamento estero, il marketing e il centro studi.

Durante la riunione, i coordinatori hanno condiviso le esperienze di promozione positive nei rispettivi mercati, un utile brainstorming da mettere a fattor comune. “Dovremo trovare il tempo di ripetere questi momenti e lavorare per quella creazione di valore che resta una delle missioni fondamentali – argomenta la direttrice -. Incrementare il turismo è inteso come crescita del valore del brand Italia, un marchio inestimabile e che non vogliamo svendere”.

Quale tipo di turista sta mettendo a fuoco Enit? “Abbiamo iniziato ad analizzare alcuni segmenti di domanda ad alta capacità di spesa, quello family, i gruppi con interessi speciali, i millennial e la generazione Z”. Per quanto riguarda i mercati, invece, l’Agenzia guarda a bacini emergenti come il Sudest asiatico e massimizzerà su quelli consolidati. “Per le nuove aree abbiamo iniziato a coinvolgere Paesi diversi, ma partendo sempre dal valore economico; oggi osserviamo le classifiche incoming secondo la spesa dei turisti”. Ecco che gli Stati Uniti balzano al primo posto. “Dobbiamo valorizzare il brand e non dare per scontato che le cose resteranno come oggi le osserviamo – conclude -, l’evoluzione è veloce e le generazioni future vedono il viaggio molto diversamente”.

Per quanto riguarda il board di Enit, le cariche sono scadute l’8 ottobre e i vertici stanno per essere rinnovati. Attualmente vige la fase di prorogatio per 45 giorni, dopodiché il ministro Centinaio nominerà il presidente e i consiglieri saranno di proposta delle associazioni e delle Regioni. Il toto-nomine è già cominciato con quello di Giorgio Palmucci alla presidenza e tra i consiglieri Magda Antonioli Corigliano dell'Università Bocconip.ba.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte