EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Crociere, i nodi del settore

22/10/2018 14:55
Il punto sulla situazione all'Italian Cruise Day, dalle infastrutture all'intermodalità, passando per la questione Venezia

Nel 2017 sono stati 26 milioni e 700mila i passeggeri saliti a bordo di una nave da crociera, con un incremento annuo superiore all'8%. Usa e Canada rappresentano quasi la metà, l'Europa conta per 8 milioni di crocieristi, pari al 26% del mercato globale e l'Asia per il 20%. Germania tra i Paesi in testa, con 2,2 milioni di pax seguita da Uk e Irlanda, poi Italia, Spagna e Francia. Sono alcuni dei dati citati da  Piefrancesco Vago, membro dell’executive board di Clia Europe ed executive chairman di Msc Crociere, che ha rammentato come in Italia, negli ultimi 7 anni siano transitati nei porti italiani 10 mln di crocieristi.

"La crociera è una vacanza per tutto l'anno - ha ricordato il manager - e l'età media è di 47 anni, in alcuni Paesi addirttura più bassa. Oltre il 40% degli italiani che vanno in crociera è sui 42 anni". Dati positivi, ma che non devono far rimanere sugli allori, anzi vanno sciolti alcuni nodi, a livello di infrastrutture e investimenti.

Non solo, c'è anche la questione Venezia, "un problema - ha affermato Zeno d'Agostino, presidente Autorità di Sistema Portuale del Mar Adriatico e presidente Assoporti - che il Governo deve risolvere".

Inoltre, se è vero che "l'Italia ha un grande potenziale nel Mediterraneo, i porti non rappresentano solo luoghi di approdo, ma qualcosa di integrato col resto. In termini di flussi turistici - ha aggiunto Roberto Martinoli, chairman Clia Italy - siamo gli unici a poter prevedere il numero di persone che arriveranno in un porto da qui ai prossimi due anni". Martinoli ha sfatato un altro argomento, quello dei crocieristi come causa di overtourism: "Rappresentano il 2% dei flussi turistici mondiali, al massimo si raggiunge il 5% in casi particolari come Venezia". Sul tema Venezia è intervenuto anche Franco Napp, amministratore delegato Trieste Terminal Passeggeri: "La crocieristica in Adriatico è oggi a un bivio in considerazione delle problematiche attinenti alla salvaguardia di Venezia. Non si può pensare infatti di poter organizzare degli itinerari in Adriatico senza avere un hub di riferimento nella sua pienezza operativa qual è oggi Venezia. Riteniamo che solo una forte azione di lobby nei confronti del Governo possa consentire di trovare una soluzione definitiva per Venezia. Consolidando Venezia si potrà dare certezza agli armatori che potranno pianificare senza sorprese gli itinerari adriatici. Se la crocieristica a Venezia verrà mantenuta e rafforzata, ne beneficerà l'intero bacino Adriatico con Trieste in primis”.

"L'industria crocieristica si appresta a vivere anni di avvincenti sfide e ambiziosi traguardi. L'Italia sta al centro dell'ecosistema crocieristico europeo. Località e porti italiani rappresentano asset chiave per qualificare in modo rilevante l'esperienza degli ospiti. Auspichiamo  - ha rilevato Massimo Brancaleoni, senior vice president world wide sales Costa Crociere - una sempre più stretta collaborazione tra autorità nazionali, locali, porti e compagnie di crociere per incrementare ulteriormente il contributo sociale ed economico della nostra industria a favore dell’intero Paese". Leonardo Massa, country manager di Msc Crociere, ha richiamato l'attenzione "sull'intermodalità quale elemento decisivo, sul quale si gioca una partita importante".

Ma come saranno le navi del futuro? A rispondere Maurizio Cergol, senior vice president marketing and new concept development Fincantieri, secondo il quale non si arresterà il gigantismo. "Ci sono progetti di navi da 4mila cabine e da 10mila pax". Ma quali i problemi del settore costruzioni (si ricordi che Fincantieri ha un portafoglio di ordini per 53 navi nel prossimo futuro pari a un valore di 30 mld di euro, ndr) ? "Una volta la difficoltà era acquisire l'ordine, ora sta nel produrlo con qualità e nei tempi previsti". n.s.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte