EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico: oltre 12mila visitatori

19/11/2018 09:58
Le opportunità di business nel turismo culturale sono state trattate nel workshop con i buyer europei selezionati da Enit, provenienti da 7 Paesi, arricchitosi quest’anno dei buyer nazionali di Aidit

Si è conclusa ieri la Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico di Paestum, il direttore Ugo Picarelli, l'ha definita: “Un’edizione che conferma il trend di crescita di un evento riconosciuto come unico e autorevole appuntamento al mondo per gli esperti di turismo culturale e di archeologia e, nello stesso tempo, volano di sviluppo per il territorio”.

Un crocevia di autorità, ricercatori e testimonial di livello internazionale, occasione di diplomazia culturale in cui il dialogo tra Paesi trova sempre più, di anno in anno, una sede privilegiata, un luogo di approfondimento e divulgazione per addetti ai lavori, operatori turistici e culturali, viaggiatori e appassionati. 

La XXI edizione, promossa e sostenuta da Regione Campania, Città di Capaccio Paestum, Parco Archeologico di Paestum, ideata e organizzata dalla Leader srl con la direzione di Ugo Picarelli, ha attirato in quattro giorni - dal 15 al 18 novembre - oltre 12.000 visitatori tra il Centro Espositivo del Savoy Hotel, il Parco Archeologico, il Museo Archeologico Nazionale e la Basilica Paleocristiana, location della XXI edizione, oltre che 100 espositori di cui 20 Paesi esteri, circa 60 tra conferenze e incontri, 300 relatori, 120 operatori dell’offerta, 100 giornalisti accreditati.

“La qualità degli incontri, le proposte di collaborazioni future, l’immagine rinnovata del Salone espositivo, la cospicua partecipazione agli incontri b2b degli operatori turistici dell’offerta con i buyer esteri selezionati dall’Enit e con i buyer nazionali di Aidit di Federturismo, l’apprezzamento dei relatori, l’alto numero di visitatori, sono solo alcuni degli elementi che ci rendono soddisfatti per aver fatto crescere l’evento anche quest’anno", afferma Picarelli, sottolineando come la Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico sia "volano di sviluppo per il territorio di Paestum, sito Unesco, e della regione Campania tutta".

Uno dei più importanti obiettivi della Borsa, "il confronto sul dialogo interculturale tra i popoli, si è concretizzato quest’anno nel gemellaggio tra i siti di Paestum e Palmira, la città siriana simbolo del patrimonio culturale minacciato dal terrorismo e negli accordi tra il Colosseo e il sito cambogiano di Angkor, che porteranno a un successivo gemellaggio. Inoltre, la presenza di ministri, ambasciatori, vertici dell’Unesco, hanno sancito le celebrazioni dei due ventennali: quelli dell’iscrizione nella lista del patrimonio dell’Umanità di Paestum e Troia. E ancora le ultime scoperte sulla spianata di Gerusalemme. Gli Assessori alla Cultura e al Turismo della Regione siciliana, Sebastiano Tusa e Sandro Pappalardo, hanno più volte sottolineato l’importanza di partecipare alla Borsa, per le opportunità che dà alla loro Regione grazie al confronto sulla promozione delle destinazioni e sulla valorizzazione dei beni culturali”.

Confermata l'attenzione della Borsa verso il dialogo interculturale quale valore universale delle identità e del patrimonio culturale, condensata negli hashtag #pernondimenticare il Museo del Bardo, 18 marzo 2015 e #unite4heritage for Palmyra.

Dedicato all’opportunità di business nel turismo culturale, nel rispetto del nome Borsa, il workshop con i buyer europei selezionati da Enit e provenienti da 7 Paesi (Austria, Belgio, Germania, Olanda, Regno Unito, Spagna, Svizzera), arricchitosi quest’anno dei buyer nazionali di Aidit, Associazione Italiana Distribuzione Turistica di Federturismo Confindustria.

Buoni risultati anche dal fronte dei social. Durante i giorni dell’evento sono stati superati i 20.000 like sulla pagina Facebook della Borsa la quale ha registrato un incremento organico consistente con numeri importanti sia per ciò che concerne la copertura che le interazioni. Un significativo riscontro è pervenuto anche dal ministero per i Beni e le Attività culturali: i due loghi della Bnta e dello stesso Ministero compaiono dal 31 ottobre come immagine di copertina del profilo del Mibac. Interesse è stato dimostrato anche dalla pagina ufficiale del ministero Siriano del Turismo (Syrian Ministry of Tourism) che ha pubblicato una gallery dedicata.

La Borsa, inoltre, ha inteso potenziare la propria presenza su Instagram ed è stata protagonista di un congruo numero di Instagram Stories: espositori, relatori, visitatori hanno contributo a promuovere la loro presenza a Paestum.
Sono state veicolate alcune dirette anche su Twitter.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte