EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

I viaggi europei verso l'estero crescono del 5%

11/12/2018 15:07
A dirlo il World Travel Monitor condotto da Ipk International e commissionato da Itb Berlin; la Turchia si riprende, la Spagna ristagna. Prospettive positive per il 2019

La Spagna non è stata in grado di mantenere la forte crescita dei visitatori internazionali degli ultimi anni, mentre la Turchia attira nuovamente più turisti. La Grecia sta segnalando un numero crescente di visitatori. Nel complesso, i viaggi europei outbound sono cresciuti del 5% durante i primi otto mesi dell'anno. Anche le prospettive per il 2019 sono positive. A dirlo il World Travel Monitor condotto da Ipk International e commissionato da Itb Berlin.

Rallentamento della crescita europea
A livello mondiale, il 2017 è stato un anno eccezionalmente positivo, uno sviluppo a cui l'Europa ha contribuito in modo significativo. Tuttavia, i primi otto mesi del 2018 non sono stati in grado di superare tali cifre. Sebbene i viaggi europei verso l'estero siano aumentati del 5%, quella cifra è stata inferiore al 7% dell'anno scorso. "L'aumento dei prezzi del petrolio e delle tariffe aeree ha anche frenato la crescita europea. Tuttavia, la tendenza rimane chiaramente positiva", ha dichiarato Rolf Freitag, ceo di Ipk International.

La Polonia è stato il principale mercato di origine per i viaggi internazionali, registrando una crescita del 10% anno su anno. Anche svedesi e russi hanno intrapreso più viaggi quest'anno, mentre i mercati italiano, tedesco e austriaco hanno registrato una crescita solida. Secondo l’Ipk World Travel Monitor, che copre oltre il 90% dei viaggi globali outbound, le cifre relative a Svizzera, Danimarca e Regno Unito erano al di sotto della media. Ancora una volta, la crescita trainante di quest'anno è stata rappresentata dai viaggi in Europa, che sono aumentati del 6%. Uno sguardo al viaggio a lungo raggio mostra che i viaggi in Asia sono cresciuti del 3%. All'1%, i viaggi nelle Americhe si sono leggermente ripresi dalle cifre stagnanti dello scorso anno. Il Messico, ad esempio, ha registrato il 4% in più di visitatori dall'Europa nei primi otto mesi, mentre gli Stati Uniti hanno registrato un aumento dell'1%.

La Turchia si riprende, la Spagna ristagna
Tra le destinazioni europee la Turchia è il chiaro vincitore, riportando quasi il 30% in più di visitatori. Sviluppi molto positivi anche per la Grecia, con un aumento del 19% nei primi otto mesi. Nello stesso periodo il Regno Unito ha registrato un calo dei visitatori di circa il 3%. Dopo anni di forte crescita, le cifre per la Spagna sono rimaste stabili. "Nonostante un periodo politicamente instabile, la Turchia è riuscita chiaramente a riconquistare la fiducia dei viaggiatori, ha dichiarato Martin Buck, vicepresidente senior di Travel & Logistics a Messe Berlin -. La Spagna ha sperimentato una leggera stagnazione quest'anno dopo la forte tendenza al rialzo degli ultimi anni. Tuttavia, come una delle destinazioni turistiche più popolari in Europa, essa continua ad attirare un numero elevato di visitator".

Gli europei riscoprono i tour
Tra gli europei, le vacanze in tour stanno registrando un ritorno quest'anno con una crescita del 5%. Le sempre più popolari vacanze al sole e al mare sono state tra i driver di crescita di quest'anno durante i primi otto mesi. Con un +8%, la loro crescita è stata chiaramente sopra la media. Nel 2018 i city break hanno mostrato una crescita positiva, sebbene inferiore rispetto agli anni precedenti. Dopo aver registrato spesso una crescita a due cifre in passato, quest'anno hanno raggiunto cifre nella media (6%). Finora quest'anno, i viaggi leisure sono aumentati complessivamente del 6%. Al contrario, i viaggi d'affari hanno ristagnato nel 2018. I viaggi di lavoro tradizionali sono diminuiti del 5%, mentre i viaggi Mice sono aumentati del 3%. Durante i primi otto mesi di quest'anno, spese più elevate e soggiorni più lunghi dei viaggiatori europei hanno portato a un aumento dell'8% del fatturato totale.

Prospettive positive per il 2019
Guardando al 2019, Ipk International prevede un buon anno
per il mercato europeo dei viaggi all’estero e prevede una crescita del 5%. In particolare, si prevede un aumento vertiginoso del numero di viaggiatori russi del 7%. Segnali positivi anche per mercati di origine come Danimarca, Francia, Svizzera, Spagna e Belgio. Il mercato di viaggi outbound più grande d'Europa, la Germania, è previsto in crescita del 4% nel 2019.

Rolf Freitag, ceo di Ipk International, presenterà i risultati del World Travel Monitor per il 2018 all’Itb Future Day durante la Itb Berlin Convention e le previsioni per il 2019. Il World Travel Monitor si basa sui risultati di interviste rappresentative con oltre 500.000 persone in oltre 60 mercati.
 


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte