EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Continua la crescita di Gerusalemme

13/02/2019 14:50
Con 24.310 turisti nel 2018 a fronte dei 14mila del 2017, Gerusalemme chiude l'anno con una crescita del 68,4%

E' Elisa Eterno, account manager Interface Tourism Italy, che ha illustrato a Guida Viaggi per Jda, Jerusalem Developmeent Authority, l'Ente per la promozione turistica della città di Gerusalemme, i risultati ottenuti dalla città nel corso del 2018. “Abbiamo avuto un'importante crescita del 68,4%, aldilà di ogni aspettativa – ha rimarcato Elisa Eterno -. Dall'Italia i turisti sono stati 24.310 a fronte di 71.516 pernottamenti. Oggi gli italiani che visitano Gerusalemme non lo fanno solo per motivi religiosi, ma anche per leisure”.

Attualmente Gerusalemme dispone di 12.000 posti letto e le previsioni per i prossimi tre o quattro anni parlano della creazione di almeno altri 6/7 mila. “Saranno hotel pensati per il turismo leisure, quindi nella fascia 4 o 5 stelle. La città ha investito in eventi culturali, sportivi ed enogastronomici. Lo scorso anno la vetrina del Giro d'Italia che è partito da Gerusalemme con tre tappe in Israele, ha contribuito a sdoganare ancora di più, l'immagine di una città apprezzata sia per l'enorme spirito religioso, che per i numerosi aspetti culturali e di svago”.

Oltre dieci tour operator italiani hanno aperto o riaperto Israele. “Grazie alla rinnovata immagine di città ospitale e moderna e anche ai numerosi voli – anche low cost – che facilitano il viaggio in Israele, sono aumentate le presenze degli italiani. A Gerusalemme, la durata media dei pernottamenti è tra le due e le tre notti. Stiamo lavorando per portare a quattro notti la media della permanenza, invitando i turisti a rimanere a Gerusalemme e da lì spostarsi alla scoperta del territorio. Per esempio con poco più di 3 ore si va e si torna da Betlemme, come su altre località contigue”.

Per Gerusalemme sono previsti corsi di formazione alle agenzie e famtour. “Non è facile vendere la città e il suo territorio se non lo si conosce. Stiamo lavorando anche per il consumer con messaggi radio, digital e pagine Fb. Gerusalemme è una città che non si può non conoscere. E lo slogan Jerusalem is more ne sintetizza il Dna fatto di forti contrasti, eventi internazionali, atmosfera e attrazioni turistiche tra le più belli del mondo”. a.to.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte