EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Nessuna fusione in vista tra Geo e Welcome

12/04/2019 15:37
Luca Caraffini e Adriano Apicella smentiscono le voci in merito ad una simile operazione e spiegano anche il perché

Il rumors è di quelli che girano da un po' nel settore...da un pò di anni, diciamo la verità. Ogni tanto torna a circolare con maggiore insistenza. Le voci parlerebbero di una eventuale fusione tra Geo e Welcome. Per fare chiarezza sull'affaire, Guida Viaggi ha interpellato gli amministratori delegati dei due network interessati, che hanno smentito i rumors. Abbiamo cercato di capire, però, perchè una fusione tra i due network non possa essere tra i progetti?

"Siamo due gruppi con tante situazioni locali, con dinamiche diverse l'uno dall'altro, con una fusione cosa si otterrebbe? cosa si risparmierebbe? - afferma Luca Caraffini, a.d. di Geo Travel Network -. Abbiamo dinamiche diverse l'uno dall'altro che giustificano avere Costa e Alpitour alle spalle. Tra l'altro c'è poi da considerare che io e Dante Colitta siamo soci - fa presente Caraffini - e ora un simile processo non si potrebbe fare, processo che non è all'ordine del giorno né nel breve periodo né nel medio", precisa Caraffini.
A suo dire non sempre il famoso "1+1 fa 2, a volte una competizione tra i due network fa bene al gruppo. Vero è che sempre di più cerchiamo di collaborare tra di noi, ci confrontiamo, si lavora per sviluppare sinergie, ma si è lontani da un avvicinamento operativo. La fusione è un punto di arrivo, non di partenza, per realizzarla ci deve essere alle spalle una storia di anni", aggiunge il manager. 

Altrettanto chiara la dichiarazione rilasciata da Adriano Apicella, a.d. di Welcome Travel Group, che smentisce le voci in merito, "per un motivo molto semplice - afferma il manager -, le nostre sono due strade parrallele, ma nettamente differenziate tra di loro. Una fusione porterebbe a sovrapposizioni territoriali e vorrebbe anche dire unire Dna diversi, con condizioni commerciali e di servizio differenti". Anche Apicella, però, fa presente che ci sono "sinergie" nel senso che le due aziende si parlano, "c'è condivisione nell'acquisto di materiali", ma "la politica commerciale, l'attenzione di sviluppo verso il mercato viene portata avanti autonomamente". Nessuna fusione in vista, quindi, tra le due aziende. s.v.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte