EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Crisi Iran-Usa, le compagnie rivedono i piani di volo

21/06/2019 16:11
Oltre a United, anche Alitalia, Lufthansa, British Airways, Klm e Qantas decidono di non sorvolare l'area "a rischio" tra lo Stretto di Hormuz e il Golfo dell'Oman

Nei giorni del possibile rinnovarsi della crisi tra Iran e Stati Uniti, causato dall’abbattimento di un drone statunitense da parte delle Guardie della rivoluzione, anche i vettori aerei rivedono i loro piani di volo.

Se la Federal Aviation Administration aveva già vietato nei giorni scorsi di volare nello spazio aereo controllato da Teheran sopra lo Stretto di Hormuz e il Golfo dell'Oman, decisione alla quale United si era già adeguata, modificando la rotta del suo volo tra New York e Mumbai, ora si aggiungono anche altre compagnie.

Anche Alitalia, infatti – come Lufthansa, British Airways, Klm e Qantas - non sorvola più lo stretto di Hormuz ed il Golfo dell'Oman. Per quanto riguarda la compagnia italiana, il volo interessato è quello che collega Roma con New Delhi. Adnkronos spiega che la compagnia si allontanerà da quell'area ma che questa modifica non comporterà ritardi. Malaysia Airlines e Singapore Airlines si sono unite alle altre compagnie, con quest’ultima che ha spiegato che la decisione potrebbe comportare tratte più lunghe allo scopo di evitare l’area.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte