EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Mare Italia: "Il vero dumping riguarda le strutture generaliste"

12/07/2019 15:17
L'analisi di Massimo Diana, direzione commerciale di Ota Viaggi. La politica del t.o. è "cercare di avere l’esclusività della vendita o almeno il garantito di oltre il 50% delle camere”

Il Mare Italia è oggetto di grandi dibattiti quest'anno, complice un trend che ha avuto ondate di boom in fatto di prenotazioni, momenti di arresto (come più volte detto, tra aprile e maggio) e poi la ripresa dei flussi.
Cosa succederà in questo momento della stagione? Lo abbiamo chiesto a Massimo Diana, direzione commerciale Ota Viaggi, operatore che è esclusivamente sul Mare Italia, "quindi non abbiamo alcuna possibilità di recuperare eventuali margini su altre destinazioni che, pare, al momento siano più in voga, come l'Egitto. Programmando solo Italia il nostro unico sforzo ci porta a essere 'sul pezzo' h24 e 365 giorni all’anno", precisa subito il manager. 

L'analisi che fa Diana è molto chiara: "Chi avrà sottoscritto troppi impegni di garantito, potrà essere in sofferenza, ma chi avrà saputo prevenire questa situazione, affronterà il tutto come sempre nelle scorse stagioni", dichiara il manager a Guida Viaggi.

Come si sta muovendo il fronte del tour operating? Si ricorrerà al last minute? "Last minute, offerte, promozioni sono sempre stati fatti, è vero che l’advanced booking ha enormemente ridotto queste azioni commerciali, ma il tutto sarà sempre regolato da quanto invenduto ogni t.o. avrà ancora da smaltire”.
Quindi si può intravedere un rischio di dumping sui prezzi del Mare Italia? Diana a tal proposito afferma che “i maggiori t.o. nazionali che operano per la destinazione Italia, hanno cercato di limitare questo effetto con l’acquisizione totale della disponibilità delle camere per ogni singola struttura, il vero dumping si potrà avere su quelle strutture dove il prezzo non è controllato da un singolo marchio, ma è ancora una struttura generalista”.

La politica portata avanti da Ota Viaggi è sempre stata quella di cercare di avere l’esclusività della vendita “o avere almeno il garantito di oltre il 50% delle camere in modo tale da essere noi la garanzia del prezzo”. Parlando di vendite, nelle ultime settimane "hanno ripreso un ottimo andamento, qualcuno sarà in difficoltà, speriamo che poi tutti possano portare a casa un buon risultato”. s.v.

Per un approfondimento dell'argomento rimandiamo al servizio che sarà pubblicato sul numero 1575 di Guida Viaggi. 


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte