EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Gli stakeholders: il cielo unico una priorità per l'Europa

12/09/2019 09:16
Le principali realtà del settore aeronautico continentale sottoscrivono una dichiarazione che richiede alla Ue e agli Stati membri azioni concrete: necessarie armonizzazione e infrastrutture

Uno spazio aereo unico sopra i paesi d’Europa. E’ questa la richiesta ribadita, attraverso una dichiarazione congiunta, alle istituzioni comunitarie da una lunga serie di stakeholder del settore aereonautico a margine della conferenza “Digital European Sky”, organizzata a Bruxelles dalla presidenza di turno, quella finlandese, della Ue.

L’obiettivo, che trova le sue radici in iniziative lanciate già nel 2004, è quello di fare lobby per stimolare la realizzazione di una serie di azioni concrete per implementare la visione del Ses, acronimo che sta per Single European Sky. Nel dettaglio, la dichiarazione è stata firmata – in rigoroso ordine alfabetico - da A6 Alliance, A4 Airline Grouping, A4E, Aire, Aci Europe, Asd, Atceuc, Borealis Alliance, B4, Canso, Coopans, Drone Alliance Europe, Ebaa, Eha, Era, Gate One, Iata, Ifatca, Ifatsea e Iaopa

La collegialità della richiesta è certamente un segnale forte alla neo nominata Commissione europea, oltre che agli Stati nazionali dell’Unione, per raggiungere l’obiettivo del cielo unico.
Se le previsioni sul traffico aereo spiegano che il traffico passeggeri globale raddoppierà entro il 2037, assume secondo gli stakeholder europei ancora maggiore evidenza la necessità di accompagnare tale crescita e di coniugarla con un’attenzione ambientale e sociale adeguate alla portata della sfida.

E i sottoscrittori della dichiarazione affermano per l'appunto nel documento congiunto che "il cielo unico europeo è un modo efficace per affrontare le sfide ambientali del trasporto aereo europeo, offrendo un sistema di gestione del traffico aereo efficiente e integrato. Richiederà l'introduzione di nuove tecnologie, l'interoperabilità dei sistemi, una regolamentazione armonizzata e infrastrutture adeguate. L'Europa e i suoi cittadini meritano uno spazio aereo efficiente e sostenibile e speriamo che la piena attuazione della visione del Ses porterà a questi necessari miglioramenti". 
 


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte