EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

L'ascesa dell'Arabia Saudita

13/11/2019 11:15
Il Paese si sta posizionando come una delle destinazioni turistiche a più rapida crescita. A dirlo un nuovo rapporto presentato durante il Wtm

L'Arabia Saudita sta diventando una delle destinazioni turistiche a più rapida crescita. A dirlo il nuovo rapporto commissionato dal Gruppo Seera, il principale fornitore di servizi turistici e di viaggio della regione.

Preparato da SkiftX, il ramo di content marketing interno a Skift, il rapporto è stato presentato al World Travel Market 2019. Intitolato “Decoding the Saudi Arabian Travel & Tourism Industry ", il rapporto offre una visione completa delle tendenze di viaggio e delle preferenze dei viaggiatori.

Tra i punti salienti, il rapporto fornisce approfondimenti su come il Regno stia lavorando per raggiungere l'obiettivo Vision 2030 di accogliere 100 milioni di pernottamenti internazionali e domestici all'anno e aumentare il contributo del turismo al Pil del 10%; si sottolinea, inoltre, che l'attuale trasformazione del settore si tradurrà in maggiori progressi socioeconomici, compresa la creazione di nuovi posti di lavoro per i cittadini sauditi e la crescita di una catena del valore delle pmi saudite.

Abdullah Al-Dawood, membro del consiglio di amministrazione e ceo di Seera Group, ha dichiarato: “L'Arabia Saudita è ben posizionata per essere una delle principali destinazioni turistiche del mondo. Ciò si riflette nei risultati del nostro rapporto, che presenta approfondimenti su come si stia attualmente evolvendo il panorama turistico del Regno. Siamo fiduciosi che esso contribuirà a rafforzare la consapevolezza, le partnership e gli investimenti interni nel settore turistico del Regno"

Secondo il rapporto, l'apertura dell'Arabia Saudita al turismo e l'introduzione di procedure di visto semplificate, compresi i visti elettronici e il visto all'arrivo per i cittadini di 49 nazioni, rappresentano fattori chiave del turismo inbound. Non mancano imprese ambiziose come il Red Sea Project che attinge alla bellezza naturale del Regno per attirare viaggiatori di lusso, nonché progetti come Neom, la megalopoli e Amaala, un resort focalizzato sul benessere, iniziative che serviranno da calamita per i visitatori di tutto il mondo.

Anche il turismo Hajj e Umrah è in incremento, grazie anche al fatto che i visitatori ora sono in grado di completare pellegrinaggi Umrah in qualsiasi momento durante l'anno e non necessitano più di visti Umrah specializzati. Il rapporto afferma che i viaggiatori Hajj e Umrah sono il principale segmento inbound verso l'Arabia Saudita e il loro numero è cresciuto di anno in anno.

Tra le tendenze chiave identificate dal rapporto vi sono anche approfondimenti sul comportamento dei viaggiatori outbound in Arabia Saudita. Sono quattro i segmenti di viaggiatori leisure sauditi: famiglie, viaggiatori semplici, “esploratori cresciuti” e viaggi di nozze. I sauditi amano fare almeno un viaggio ogni anno in famiglia, se non di più. I viaggiatori semplici sono giovani e in genere cercano un posto dove rilassarsi e sentirsi a proprio agio, con le stazioni balneari che stanno diventando molto popolari.  Anche gli “esploratori cresciuti” sono giovani, ma cercano l'avventura, un'esperienza che non hanno mai provato prima o qualcosa di unico. I viaggi di nozze prediligono, invece, sicurezza e comfort e vogliono essere sicuri che tutto ciò che riguarda il viaggio sia curato e organizzato prima del loro arrivo. Inoltre, il rapporto osserva che con le donne ora autorizzate a viaggiare senza essere accompagnate da un parente maschio, dovrebbe aumentare il numero di quelle che viaggiano in gruppo o individualmente.

Londra, Dubai, Parigi, Il Cairo e Sharm El Sheikh sono in assoluto le prime cinque destinazioni preferite, ma Baku, Tbilisi, Kuala Lumpur, Dubrovnik e Jakarta sono di tendenza.

Per quanto riguarda i trend del booking, il rapporto cita una ricerca del Gruppo Seera secondo cui gli uomini effettuano la maggior parte delle prenotazioni, ma le decisioni reali sono prese dalle donne. Sull’ispirazione per i viaggi, fanno affidamento su tre fonti: amici e famiglia, social media e cultura popolare. Secondo Seera Group quando i sauditi scelgono di recarsi in un posto per la prima volta o quando non ricevono suggerimenti da una famiglia o un amico, cercano recensioni online da parte di altri connazionali. Le nuove generazioni, inoltre, guardano sempre più ai social media influencer e ai vlogger di YouTube. Tra le fonti più popolari di informazioni di viaggio ci sono amici e familiari (44%), vlogger e blogger (16%), fornitori di viaggi sui social media (25%) e siti web di viaggi (39%).

In media, i viaggiatori sauditi prenotano il loro viaggio internazionale con 26 giorni di anticipo e da gennaio ad agosto 2019, il Gruppo Seera ha osservato che il 77% delle prenotazioni internazionali è stato effettuato tra 0 e 25 giorni.

Quanto alle abitudini di spesa per i viaggi, i dati del Gruppo Seera, da gennaio ad agosto 2019, rivelano che oltre l'80% dei sauditi preferisce viaggiare con compagnie aeree full service e l'86% prenota strutture a quattro o cinque stelle per i propri viaggi internazionali con una spesa media di oltre $ 180 a notte. I dati del gruppo rivelano, inoltre, che oltre il 45% fa viaggi di nove o più giorni. In termini di viaggi domestici, da gennaio ad agosto 2019, il 79% dei sauditi ha prenotato hotel a quattro o cinque stelle e il 41% ha fatto viaggi di tre o più giorni, con booking effettuati con nove giorni di anticipo.

 


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte