EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Turismo e ristorazione settori dove cresce la ricerca di figure professionali

11/12/2019 09:38
Lo rivela l’Osservatorio InfoJobs, nultimi tre mesi le offerte per questo tipo di attività sono state 6.300, in crescita del 7,3% sullo stesso periodo dell’anno precedente

Nuove offerte di lavoro, in particolare cresce la ricerca di figure professionali nella categoria turismo e ristorazione. A dirlo è l’Osservatorio InfoJobs, piattaforma per la ricerca di lavoro online. Sulla base dei dati emersi, negli ultimi tre mesi (settembre-novembre) le offerte per questo tipo di attività sono state 6.300, dato che registra una crescita del 7,3% sullo stesso periodo dell’anno precedente.

Quali sono le professioni più richieste per la stagione invernale 2019? Al primo posto i camerieri, con oltre 2.700 offerte sul totale complessivo, professione per cui sono richieste la capacità di offrire un servizio di qualità ai clienti in sala, buona padronanza nell’illustrare il menu e conoscenza del settore ristorazione mentre per quanto riguarda le soft skills è necessario saper gestire le priorità e organizzare il lavoro, ottimizzare il tempo ed essere propensi al cambiamento.
Al secondo posto si trova il personale di cucina con quasi 2.200 offerte, seguito al terzo posto dai barman con oltre 1.200 annunci. Per il personale di cucina le competenze richieste sono, dal punto di vista professionale, la capacità di preparare piatti pronti e di fornire alimenti e bevande mentre dal punto di vista personale il saper lavorare in contesto alberghiero; per quanto riguarda invece i barman, i candidati devono saper utilizzare tutte le attrezzature del bar, servire le bevande e saper preparare quelle calde oltre a, dal punto di vista attitudinale, essere entusiasti e coinvolgenti nell’interazione con la clientela e saper coordinare il lavoro di squadra.

Completano la Top10 per gli impieghi invernali gli addetti al banco servizi ristorazione, gli addetti alle pulizie, i cuochi, gli chef, i consulenti e operatori turistici, gli addetti alla reception e infine i professionisti nei servizi di sicurezza, custodia e vigilanza.
A seguire, addetti alle vendite, dirigenti nella ristorazione e una new entry per le professioni invernali, la figura degli istruttori e preparatori atletici, a conferma di una ritrovata passione degli italiani per gli sport invernali e per l’attività fisica. 

La classifica delle regioni
Dal punto di vista territoriale, in Lombardia si registra la maggiore richiesta di operatori del turismo durante la stagione invernale (39,5% del totale complessivo). Seconde a parimerito, con un netto distacco dalla vetta, si collocano l’Emilia-Romagna con l’11,7% e il Veneto con l’11,6% delle richieste di lavoro mentre al terzo posto il Lazio (8,9%).
Piemonte (8,7%) e Toscana (6,2%) si aggiudicano il quarto e il quinto posto della classifica delle regioni. Analizzando invece le regioni che hanno fatto registrare la crescita maggiore per la domanda di lavori stagionali, si evidenziano principalmente il Piemonte, che cresce del +19,1% sul 2018, e la Campania che raggiunge un +24,4%.
 


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us