EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Ddl turismo: le novità su Enit, imposte, Airbnb e guide turistiche

21/02/2020 09:34
La bozza contiene diverse misure che il settore stava aspettando. Tra gli interventi il credito d'imposta per la riqualificazione, l'accessibilità e la digitalizzazione delle strutture ricettive

La bozza del ddl sul turismo, collegato alla legge di Bilancio, contiene diverse misure che il settore stava aspettando. Come si legge su Ansa, tra i temi c'è quello di Airbnb, a tal proposito è stata fissata a tre appartamenti in affitto la soglia massima per non essere considerati impresa, inoltre è stato stabilito che anche i soggetti che concedono in locazione breve immobili ad uso abitativo sono tenuti a pubblicare il codice identificativo.

Abusivismo, imposte, tassa di soggiorno

Tra le altre misure c'è quella relativa all'abusivismo ed al suo abbattimento, la promozione del turismo sostenibile che valorizzi i borghi, evitare la desertificazione delle aree interne e dare un aiuto alle imprese culturali e creative, per cui è previsto un piano strategico.
Nella bozza del provvedimento, che è composto di 18 articoli, il credito d'imposta per la riqualificazione, l'accessibilità e la digitalizzazione delle strutture ricettive. A quanto riporta la fonte per chi avvia o mantiene un'attività economica in un comune delle aeree interne a rischio desertificazione, il che vuol dire con popolazione fino a 1000 abitanti, è prevista l'esenzione su varie imposte.
Per quanto attiene all'imposta di soggiorno, da applicare da parte dei Comuni, è stato stabilito che il gestore della struttura ricettiva è responsabile del pagamento dell'imposta e per l'omesso, ritardato o parziale versamento si applica una sanzione fino al triplo del dovuto.

Le nomine in Enit

Tra i contenuti della bozza c'è anche l'Enit, per assicurare una maggiore rappresentatività è stato deciso che il cda è composto dal presidente e da quattro membri nominati dal ministro per i beni e le attività culturali e per il Turismo. Il collegio dei revisori dei conti è composto da tre membri effettivi, uno dei quali designato dal ministro dell'Economia e delle finanze e da due supplenti, nominati con decreto del ministro per i beni e le attività culturali e per il Turismo, che designa anche il presidente.

Le guide turistiche

Un altro tema caro al settore è quello delle guide turistiche. Tra le misure che sono state disposte, sarà richiesta una laurea, così come per agenzie di viaggi e tour operator, operanti anche su piattaforme online, che devono trasmettere i dati relativi agli obblighi assicurativi alla banca dati. Invece, il turismo slow potrà beneficiare di un fondo per sviluppare i servizi ferroviari. Un fondo è previsto anche per le imprese culturali e creative volto allo sviluppo e alla creazione di Quartieri degli artisti. 

Il provvedimento dovrebbe essere portato in Cdm presto, secondo quanto riporta la fonte, forse già la prossima settimana.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us