EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Zilio: necessario un unico portavoce verso il governo

26/02/2020 10:28
Il manager invoca un tavolo unico di crisi tra le associazioni, che coinvolga adv e t.o. Astoi si deve fare promotore per dare linee guida su cancellazioni, penali e rimborsi

“Dalla guerra del Golfo ad oggi ho assistito a tutte le crisi che hanno coinvolto il nostro settore, sono convinto che non bisogna perdere tempo e creare un tavolo unico di crisi tra le associazioni di categoria che coinvolga sia le agenzie che i tour operator e che ci sia un unico autorevole portavoce verso il governo". Ivano Zilio, presidente del Gruppo Primarete e consigliere nazionale di Fto, interviene a seguito della situazione attuale creata dal diffondersi del coronavirus.

La voce del manager si unisce a quella di altri imprenditori della distribuzione organizzata, che stanno cercando di reagire in modo propositivo e di sollecitare gli interventi necessari. Guida Viaggi ha raccolto la testimonianza di Geo Travel Network che ha attivato la sua task force, quella di Achille Lauro che è riuscito ad ottenere dai partner condizioni più favorevoli per la clientela, Uvet che ha attivato il Business Continuity Plan. Il pensiero dei manager del turismo va in una direzione comune, serve un intervento del governo, con azioni che vadano in aiuto a tutte le imprese turistiche del territorio, perché quella del coronavirus è una situazione che coinvolge l'intero Paese. 

Zilio si rivolge un po' a tutto il settore, esponendo quello che è il suo pensiero. Il manager si aspetta "una concertazione tra le parti sui temi che aiutino il comparto non solo del turismo in generale, ma una richiesta esplicita al governo che riconosca al nostro settore agenzie e t.o. un sostegno vero e concreto - aggiunge Zilio -. Da questo tavolo devono esserci accordi chiari tra i tour operator ed Astoi si deve fare promotore per dare linee guida alle agenzie e ai network come rispondere alle cancellazioni dei clienti, come applicare le penali e i rimborsi. Un altro tema fondamentale sono le compagnie aeree che in questo momento adottano sistemi diversi sull’interpretazione del decreto ministeriale”.

A detta del manager "le associazioni di categoria devono imparare dalle crisi del passato; non fare gli stessi errori, ma essere d’accordo nelle richieste verso il governo e dare informazioni e direttive concrete al settore. Non vedo altra strada da perseguire. Noi professionisti di lunga data, siamo testimoni che non bisogna perdere la fiducia perché il nostro settore ha sempre rialzato la testa”, conclude Zilio.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us