EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Francia e Olanda scendono in campo per Air France e Klm

28/04/2020 11:46
Il governo francese ha stanziato un prestito da 7 miliardi di euro per la compagnia e quello olandese ha promesso aiuti pubblici per 2-4 miliardi per il vettore

Il governo francese sta attuando un piano di sostegno per Air France, così come quello olandese per Klm. Secondo quanto riportato da fonti straniere, il ministro dell'Economia, Bruno Le Maire ha annunciato, lo scorso 24 aprile, lo stanziamento di 7 miliardi di euro per la compagnia aerea. Il prestito sarà suddiviso in 4 miliardi di prestiti bancari garantiti al 90% dallo Stato e 3 miliardi di prestiti diretti dallo Stato. 

D'altra parte, il ministro che ha parlato di un piano "storico", ha sottolineato che la nazionalizzazione della compagnia "non era all'ordine del giorno", quando l'opzione era stata sollevata. 

Il ministro delle finanze olandese, Wopke Hoekstra, ha promesso aiuti pubblici per 2-4 miliardi di euro per Klm, durante una conferenza stampa a L'Aia. Il governo olandese imporrà comunque delle condizioni per la concessione degli aiuti, ha affermato Hoekstra, come il fatto di non pagare bonus, ripartizione degli utili o dividendi.

Anche Le Maire ha fatto presente le condizioni che sono state fissate per Air France, non si tratta di firmare "un assegno in bianco - ha detto -. Abbiamo fissato le condizioni che sono di redditività (...) e condizioni ecologiche. Air France deve diventare la compagnia aerea più ecologica del pianeta". 

In totale, il gruppo franco-olandese potrà contare dai 9 agli 11 miliardi di euro per superare questa crisi. I due ministri hanno pubblicato un comunicato stampa congiunto per garantire "la condivisione della stessa priorità per Air France-Klm" e "salvare i 350.000 posti di lavoro diretti e indiretti".

Cosa avverrà? In un'intervista pubblicata sabato da Les Echos, il direttore generale di Air France-Klm, Benjamin Smith, stima che il ritorno alla normalità avverrà non prima del 2022, "forse anche un po 'di più. Dipenderà dalla riapertura dei confini, ma anche da quanto tempo impiegheranno i nostri clienti a tornare sugli aerei". Tuttavia, il prestito statale francese consentirà alla società di "superare il periodo più difficile". 


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us