EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Bozza decreto rilancio: le misure per il turismo

11/05/2020 12:51
Bonus vacanze sotto forma di tax credit per le famiglie con Isee fino a 35mila euro. Sarà fruibile 90% in forma di sconto sul corrispettivo dovuto, anticipato dai fornitori, 10% in forma di detrazione di imposta

Diverse fonti di stampa stanno anticipando le bozze del decreto Rilancio. L’ultima disponibile è  composta da 258 articoli, contiene novità che sono già state anticipate nei giorni scorsi, scrive Money.it, tra cui il reddito di emergenza, la proroga della cassa integrazione in deroga, il bonus 1.000 per le Partite Iva e il bonus vacanze e biciclette.

Guardando nel dettaglio, il testo del decreto, ancora in versione di bozza, contiene misure e disposizioni in materia di salute e sicurezza (titolo I), sostegno alle imprese e all’economia (titolo II), misure in favore dei lavoratori (titolo III), disposizioni per la disabilità e la famiglia (titolo IV), enti territoriali e debiti commerciali degli enti territoriali (titolo V), misure fiscali (titolo VI), disposizioni per la tutela del risparmio nel settore creditizio (titolo VII), misure di settore (titolo VIII) e ulteriori disposizioni (titolo IX).

Bonus vacanze

Per quanto riguarda il settore turismo l'attenzione cade sul Capo I "Misure per il turismo e la cultura", Art.183. "Misure per la promozione turistica in Italia – Tax credit vacanze". Da cui si apprende che il bonus vacanze è sotto forma di tax credit per le famiglie con un Isee fino a 35mila euro. Riportiamo a seguire il testo della bozza.
"Per il periodo d’imposta 2020 è riconosciuto un credito in favore dei nuclei familiari con un reddito Isee non superiore a 35.000 per il pagamento dei servizi offerti in ambito nazionale dalle imprese turistico ricettive". Il credito è utilizzabile, "dal 1° luglio al 31 dicembre 2020, da un solo componente per nucleo familiare nella misura di 500 euro per ogni nucleo familiare. La misura del credito è di 300 euro per i nuclei familiari composti da due persone e di 150 euro per quelli composti da una sola persona". 
Al punto 3. si fa presente che il credito "è fruibile nella misura del 90 per cento in forma di sconto sul corrispettivo dovuto, anticipato dai fornitori presso i quali la spesa è stata sostenuta, e per il 10 per cento in forma di detrazione di imposta in sede di dichiarazione dei redditi da parte dell’avente diritto. Con provvedimento del direttore dell'Agenzia delle entrate, sentito l’Inps, sulla base dei dati forniti dall’Inps, saranno individuati i nuclei familiari di cui al comma 2, nonché le modalità di rimborso dello sconto sul corrispettivo dovuto ai fornitori dei servizi ai sensi del presente comma". Il punto 4. sottolinea che "lo sconto di cui al comma 3 è rimborsato al fornitore dei servizi sotto forma di credito d'imposta da utilizzare esclusivamente in compensazione, con facoltà di cessione ai propri fornitori di beni e servizi ovvero ad altri soggetti privati, nonché a istituti di credito o intermediari finanziari".

Fondo per la promozione

Il punto 5. mette in evidenza che "allo scopo di favorire la ripresa dei flussi turistici in ambito nazionale, nello stato di previsione del ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo è istituito il “Fondo per la promozione del turismo in Italia”, con una dotazione di 30 milioni di euro per l’anno 2020. Con decreto del ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo, da adottare entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, sono individuati, anche avvalendosi dell’Enit-Agenzia nazionale del turismo, i soggetti destinatari delle risorse e le iniziative da finanziare e sono definite le modalità di assegnazione anche al fine del rispetto del limite di spesa di cui al presente comma. Anche in ragione dell’esigenza di assicurare l’attuazione tempestiva ed efficace di quanto stabilito dal presente comma all’articolo 16 del decreto-legge 31 maggio 2014, n. 83, convertito con modificazioni dalla legge 29 luglio 2014, n. 106 (...)".

Fondo per imprese turistico ricettive, aziende termali e stabilimenti balneari

L'Art.184 riguarda invece le "Misure urgenti per il sostegno del settore turistico", è articolato in 4 punti. Nel secondo si fa presente che "nello stato di previsione del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo è istituito un fondo con una dotazione di 50 milioni di euro per l’anno 2020, per la concessione di contributi in favore delle imprese turistico ricettive, delle aziende termali e   degli stabilimenti balneari, quale concorso nelle spese di sanificazione degli ambienti e degli strumenti di lavoro e di adeguamento degli spazi conseguente alle misure di contenimento contro la diffusione del Covid-19. Con decreto del Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo sono stabilite le modalità e le condizioni per l’accesso ai contributi. Il contributo di cui al presente comma è cumulabile con altre agevolazioni per le medesime spese, comunque nel limite dei costi sostenuti".

Hotel e ristoranti

Nel decreto, sottolinea Huffpost, sono indicate le misure che danno forma ai 55 miliardi dei nuovi aiuti per gli italiani, tra i destinatari vi sono imprese, famiglie, lavoratori sanità, turismo, scuola, disabili, sport. I soldi a fondo perduto andranno a Pmi, commercianti, artigiani e autonomi fino a 5 milioni di ricavi o compensi, se ad aprile hanno registrato un calo del fatturato di 2/3 rispetto a quello di aprile dello scorso anno. Per hotel e ristoranti sono previsti 2,5 miliardi per cofinanziare le spese che dovranno affrontare per adattarsi alle nuove regole imposte dal virus. I ristoratori che hanno tavoli all’aperto non pagheranno la Tosap, la tassa per l’occupazione di spazi e aree pubbliche.

Il ministro dell'Economia, Roberto Gualtieri, ha annunciato che è stato deciso di "abbonare la rata di saldo e acconto dell'Irap", come riporta Agi.it, il ministro lo ha fatto presente durante la trasmissione televisiva di 'Che tempo che fa', in onda su Rai 2. Il decreto rilancio dovrebbe arrivare nel Cdm oggi pomeriggio

 

 

 

 


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us