EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Di Maio: "No a black list tra Paesi Ue"

19/05/2020 10:12
Però il ministro degli esteri tedesco, Mass ha asserito che "con Italia e Spagna, dove sono ancora in vigore molte limitazioni, bisognerà continuare a parlare"

E' stato detto e confermato, "dal 3 giugno l'Italia ripartirà a 360 gradi. Ci si potrà muovere tra le regioni e siamo pronti ad accogliere in sicurezza cittadini europei che vogliono passare le loro ferie in Italia. Le nostre strutture sono pronte, preparate e all'avanguardia". Ad affermarlo il ministro degli Esteri. Luigi Di Maio, parlando agli omologhi di alcuni Paesi Ue, ieri durante il vertice sui flussi turistici, come riporta Ansa. 

Il ministro ha anche affermato che "è inammissibile che ci siano black list tra Paesi Ue. Se non cambiamo direzione, ci saranno serie ricadute economiche sul comparto turistico di tutti i Paesi europei, non solo dell'Italia". 

Paesi come la Germania, bacino importante di flussi turistici verso l'Italia, stanno però prendendo tempo in merito alla riapertura dei flussi verso il nostro Paese. Infatti, il ministro degli esteri tedesco, Heiko Mass, dopo la videoconferenza organizzata con i 10 Paesi che sono mete prioritarie per le vacanze dei tedeschi (Italia, Grecia, Croazia, Spagna, Austria, Cipro, Portogallo, Malta, Slovenia, Bulgaria), ha asserito che "con Italia e Spagna, Paesi particolarmente colpiti dal coronavirus e dove sono ancora in vigore molte limitazioni, bisognerà continuare a parlare".

Il ministro tedesco ha fatto presente che il trend del contagio sta migliorando in molti Paesi europei, il suo auspicio è che "tutti possano avere la situazione sotto controllo a un certo punto, in modo che si possa di nuovo viaggiare in tutti i Paesi senza avere riserve, ma non so se sarà possibile per tutti questa estate". La Germania sarà cauta, così ha detto Mass, "non vogliamo dare l'impressione che sarà tutto uguale, a prescindere da dove si vada".

Dal canto suo Di Maio si è rallegrato sul fatto che Maas, "come noi ritiene che gli accordi bilaterali sui flussi turistici siano contro lo spirito Ue. Bisogna lavorare insieme", ha detto, impegnandosi poi a fornire "a tutti i Paesi un report settimanale regione per regione. L'Italia è pronta e trasparente".

C'è un altro nodo da sciogliere ed è quello dell'Austria, Paese che, sottolinea Il Sole-24 Ore, ha riaperto le frontiere con Germania, Liechtenstein, Svizzera. Resta però la chiusura verso il nostro Paese tranne che per motivi di lavoro e traffico merci. 


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us