EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Iata: "Le compagnie non hanno perso di vista la riduzione delle emissioni"

02/07/2020 09:40
L'associazione accoglie con favore la decisione di Icao di utilizzare il 2019 come base per il sistema di compensazione e riduzione del carbonio per l'aviazione internazionale

Iata accoglie con favore la decisione di Icao di utilizzare il 2019 come base per il sistema di compensazione e riduzione del carbonio per l'aviazione internazionale (Corsia). Nel 2022, l'assemblea dell'Icao valuterà se sono necessarie ulteriori modifiche per affrontare gli impatti di covid-19 per garantire la corretta attuazione del sistema.

Le compagnie aeree si impegnano a ridurre le emissioni nette a metà del 2005 entro il 2050. Questo impegno è invariato. Corsia è un passo fondamentale in tale direzione, che consente una crescita neutrale del carbonio che stabilizzerà le emissioni nette del trasporto aereo internazionale ai livelli del 2019 (580 milioni di tonnellate di carbonio).

Inizialmente, il calcolo della linea di base Corsia era stato concordato in una media delle emissioni del 2019 e del 2020. La crisi covid-19 in corso e senza precedenti ha visto un rapido calo della domanda di trasporto aereo di oltre la metà rispetto al 2019. Di conseguenza, la linea di base sarebbe stata gravemente distorta se le emissioni del 2020 fossero state utilizzate per il calcolo. Ciò non indebolisce l'impatto di Corsia, fa presente una nota. Escludendo l'evento pandemia del 2020, le compagnie aeree stabilizzeranno le proprie emissioni ai livelli previsti quando Corsia sarà stato concordato dai 193 stati membri dell'Icao nel 2016.

La decisione odierna è importante perché, in un momento di estrema volatilità, fornisce un'immediata certezza e una chiara strada da seguire per la corretta attuazione di Corsia che è visto come passo fondamentale verso il raggiungimento della strategia a lungo termine del settore per affrontare i cambiamenti climatici riducendo le emissioni di carbonio.

“Le compagnie aeree sono impegnate nella crescita a emissioni zero attraverso Corsia. La decisione odierna di rimuovere il 2020 dal calcolo di base segna una via pragmatica in avanti che mantiene l'intento, lo spirito e l'impatto dell'accordo. E offre a tutte le parti interessate la sicurezza di concentrarsi sulla realizzazione con successo di Corsia e sul raggiungimento dei nostri obiettivi a lungo termine di riduzione delle emissioni, anche in questo momento di crisi", ha dichiarato Alexandre de Juniac, direttore generale e ceo di Iata.

Il manager sottolinea che "l'aviazione è stato il primo settore industriale al mondo per il quale i governi hanno concordato una misura globale di compensazione del carbonio. Le compagnie aeree sanno che la sostenibilità è la loro licenza per crescere. Supportano pienamente Corsia come unico meccanismo globale per compensare le emissioni internazionali dell'aviazione. Anche con le difficoltà finanziarie che il settore deve affrontare a causa del covid-19, le compagnie aeree del mondo non hanno perso di vista i loro obiettivi di riduzione delle emissioni". 


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us