EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Post Covid, su quali destinazioni si orientano le prenotazioni

08/07/2020 16:41
Travelport analizza i trend e lancia il nuovo plugin Covid-19 per tutelare la sicurezza dei viaggiatori - di Gwen Marletta

Alistair Rodger, capo del settore vendite di Travelport Emea, rende chiaro sin da subito il suo obiettivo: riunire operatori da tutti i settori dell’industria turistica per accelerare la ripresa. “Non sarà un percorso lineare - chiarisce Rodger - ma con un’analisi chiara dei dati é possibile avere una guida sicura in questo periodo di ricostruzione”. Matthew Webb, responsabile data e analytics di Travelport, illustra i dati raccolti dalla fine di marzo fino ad oggi per aiutare gli operatori nel comprendere il pubblico di riferimento per questa ripartenza. “In aprile molte aziende si sono ritrovate ad avere solo il 6% del lavoro rispetto al solito, adesso le Dmc e i tour operator hanno riacquisito dai 10 ai 15 punti - rassicura Webb - e lo sviluppo varia a seconda delle regioni di riferimento”.

L’Asia sembra infatti avere grosso potenziale insieme all’Est Europa con Cipro, Lettonia e Russia ma anche la Francia sta vedendo una crescita costante. “Nonostante il mercato francese sia fortemente dipendente dal turismo internazionale – prosegue - il turismo domestico sta ora facendo strada con mete come Nizza e Ajaccio”, tuttavia anche i viaggi oltre i confini nazionali stanno avendo successo specialmente verso Pointe-a-Pitre e Reunion per un target non sono solo corporate ma anche leisure con famiglie e coppie.

Come rappresentante del settore hospitality interviene poi Philippe Garnier, vicepresidente distributori indipendenti per Intercontinental Hotel Group, per elencare le iniziative attuate dalla catena alberghiera per rimanere vicini ai propri clienti. “Abbiamo reso più flessibili la nostra cancellation policy, introdotto il bollo ‘Ihg Clean Promise’ per assicurare igiene e sicurezza in ogni fase del soggiorno in hotel e abbiamo tenuto aperto il maggior numero di hotel possibile adattando la quantità di personale alla domanda”, spiega Garnier, precisando che il pubblico su cui stanno lavorando é prevalentemente business e che l’azienda prospetta una piena ripresa per il 2023. “Il mondo business non é però omogeneo – continua - e per ora siamo in grado di collaborare solo con piccole e medie imprese perché in grado di adattarsi più facilmente ai continui cambiamenti rispetto ai colossi sul mercato”.

Travelport, da parte sua, ha deciso di aiutare la ripresa fornendo un nuovo strumento digitale: il plugin Covid-19 per il loro portale Smartpoint, un ulteriore mezzo per poter viaggiare in sicurezza scoprendo con un click le disposizioni di ogni Paese in merito a quarantena e visti. In aggiunta, l’azienda si é impegnata in questo periodo nell’assistere i propri clienti nel creare contenuti di qualità e un solido branding attorno alle nuove misure di sicurezza oltre a formulare soluzioni quali voucher Emd, rimborsi e un prolungamento della validità dei biglietti dai precedenti 30 mesi a due anni.

Gwen Marletta


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us