EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Priante: "Dobbiamo lavorare pensando al 2021 e al 2022"

16/07/2020 12:46
Il primo punto è la programmazione, bisogna "partire da una visione più chiara dei flussi, dei target che vogliamo e possiamo raggiungere", dice il direttore Europa Unwto

Creare sinergie tra territorio, prodotti e icone del made in Italy per fare tesoro di quanto vissuto in questi mesi e promuovere quell’italian way of life che pone il turista all’interno di un’esperienza unica. Di questo si è parlato nel corso del webinar “Il made in Italy di lusso come meta turistica” organizzato da Global Blue.

Tra gli interventi quello di Alessandra Priante, direttore Europa dell’Organizzazione Mondiale del Turismo delle Nazioni Unite, che ha osservato: "Oggi non dobbiamo soffermarci sullo scenario di perdite che avremo a fine 2020, ma dobbiamo lavorare pensando al 2021 e al 2022. In questa fase di ripartenza non possono essere fatti gli stessi errori del passato".

A suo dire il primo punto è "lavorare sulla programmazione: dobbiamo partire da una visione più chiara dei flussi, dei target che vogliamo e possiamo raggiungere, dimensionarli sull’offerta e portare la domanda verso l’offerta, per evitare di trovarci nuovamente a parlare di città d’arte troppo affollate e di territori sconosciuti. Per fare questo fondamentale è lavorare su un solido e virtuoso equilibrio tra pubblico e privato".

La direttrice ha ricordato anche la scelta dell’Organizzazione Mondiale del Turismo di avviare il progetto #RestartTourism proprio dall’Italia, con un mini-viaggio che a inizio luglio ha toccato Roma, Milano e Venezia, "perché i messaggi che lanciamo dall’Italia li lanciamo al mondo", ha detto.

 


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us