EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Iata: serve una pianificazione anticipata per il trasporto del vaccino covid-19

10/09/2020 09:40
"Esortiamo i governi a prendere l'iniziativa nel facilitare la cooperazione lungo la catena logistica in modo che strutture, disposizioni di sicurezza e processi di frontiera siano pronti per il compito che ci attende", ha detto Alexandre de Juniac

Iata ha esortato i governi a iniziare un'attenta pianificazione con le parti interessate del settore per garantire la piena preparazione quando i vaccini per covid-19 saranno approvati e disponibili per la distribuzione. 

In una nota l'associazione fa presente che le merci aviotrasportate svolgono un ruolo chiave nella distribuzione dei vaccini in tempi normali attraverso sistemi di distribuzione globali ben consolidati sensibili al tempo e alla temperatura. Questa capacità sarà cruciale per il trasporto e la distribuzione rapidi ed efficienti dei vaccini covid-19 quando saranno disponibili e non avverrà senza un'attenta pianificazione, guidata dai governi e supportata dalle parti interessate del settore.

“La consegna sicura dei vaccini covid-19 sarà la missione del secolo per l'industria globale del trasporto aereo merci, ma non succederà senza un'attenta pianificazione anticipata. E il momento è adesso. Esortiamo i governi a prendere l'iniziativa nel facilitare la cooperazione lungo la catena logistica in modo che le strutture, le disposizioni di sicurezza e i processi di frontiera siano pronti per il compito complesso che ci attende", ha esortato Alexandre de Juniac, direttore generale e ceo di Iata.

I vaccini devono essere trasportati in linea con i requisiti normativi internazionali, a temperature controllate e senza ritardi per garantire la qualità del prodotto. Sebbene ci siano ancora molte incognite (numero di dosi, sensibilità alla temperatura, luoghi di produzione, ecc.), è chiaro che la scala dell'attività sarà vasta, che saranno necessari impianti per la catena del freddo.
Le priorità per la preparazione delle strutture per questa distribuzione includono la disponibilità di strutture e attrezzature a temperatura controllata. La disponibilità di personale formato per gestire vaccini sensibili al tempo e alla temperatura, ma anche solide capacità di monitoraggio per garantire il mantenimento dell'integrità dei vaccini.

I vaccini saranno merci di grande valore. Devono essere predisposte disposizioni per garantire che le spedizioni rimangano protette da manomissioni e furti. Sono in atto processi per mantenere sicure le spedizioni, ma il volume potenziale delle spedizioni richiederà una pianificazione anticipata.

Sul fronte dei processi di frontiera si dovrà lavorare efficacemente con le autorità sanitarie e doganali sarà, quindi, essenziale per garantire approvazioni normative tempestive, misure di sicurezza adeguate, gestione appropriata e sdoganamento. Questa potrebbe essere una sfida particolare dato che, come parte delle misure di prevenzione covid-19, molti governi hanno messo in atto misure che aumentano i tempi di elaborazione.

Tra gli aspetti messi in luce ci sono anche le priorità per i processi di frontiera che includono l'introduzione di procedure accelerate per i permessi di sorvolo e di atterraggio per le operazioni che trasportano, l'esenzione dei membri dell'equipaggio di condotta dai requisiti di quarantena per garantire il mantenimento delle catene di approvvigionamento del carico, ma anche sostenere i diritti di traffico temporanei per le operazioni che trasportano i vaccini dove potrebbero essere applicate restrizioni, eliminazione del coprifuoco orario operativo per i voli che trasportano il vaccino per facilitare le operazioni di rete globale più flessibili.
Concedere priorità all'arrivo di quelle spedizioni per evitare possibili escursioni di temperatura dovute a ritardi e considerare lo sgravio tariffario per facilitare la circolazione del vaccino.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us