EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Forza lavoro: la scure dei tagli

23/09/2020 10:39
Tui annuncia un piano di riduzione dei costi del 30%, impatterà potenzialmente su 8.000 ruoli. Per l'inverno la capacità è al 40%

Un drastico piano di tagli, è ciò a cui dovranno ricorrere Tui e Whitbread, catena di hotel e ristoranti britannica, a seguito del forte impatto causato dalla pandemia. La misura prevede l'eliminazione di migliaia di posti di lavoro, si legge su Ansa, che ne riporta la notizia.

Dal canto suo, Tui ha annunciato un piano di taglio dei costi del 30% su base annua, entrerà a regime nel 2023, con risparmi permanenti vicini ai 300 milioni. Come riporta la fonte i primi effetti si vedranno nel 2020. Come spiegato dall'operatore il piano "impatta potenzialmente 8.000 ruoli". Parlando dell'estate 2020 è stato fatto presente che le prenotazioni "sono attualmente in calo dell'83% rispetto all'anno scorso" e i prezzi sono diminuiti del 19%.

La disponibilità di destinazioni

La stagione invernale 2020-21 la si affronta con una capacità ridotta di un altro 20%, a seguito di ciò il t.o. opererà al 40% della capacità normale che aveva prima della crisi del coronavirus. La misura è a fronte delle "attuali incertezze relative alle restrizioni di viaggio".

Fonti di stampa estere, rivelano che il ceo di Tui, Friedrich Joussen, ha affermato che "la disponibilità di destinazioni è fortemente influenzata dalla valutazione politica e dall'evoluzione della pandemia. Attualmente stiamo operando in un contesto di mercato volatile e questo probabilmente continuerà per i prossimi trimestri", ha aggiunto il manager.
C'è da dire che i clienti dell'operatore vogliono andare in vacanza e si prevede che la domanda di viaggi leisure riprenderà prima di quella dei viaggi d'affari.
Da quando Tui ha ripreso le sue attività a metà giugno, cioè tour organizzati, voli, hotel e crociere, fino alla fine di agosto, 1,4 milioni di clienti è andato in vacanza con il gruppo. Tui dispone attualmente di liquidità per un valore di 2 miliardi di euro, inclusi gli aiuti di Stato ricevuti.

Destinazioni alternative

Dal canto suo Tui, che ha offerto destinazioni alternative che non sono state interessate da avvisi di viaggio ufficiali, ritiene che i governi dovrebbero emettere gli avvisi in modo differenziato a seconda delle regioni, senza generalizzare. Questo perchè gli avvisi e le restrizioni scoraggiano le prenotazioni anticipate. I clienti tendono a prenotare con breve preavviso se non sono più che certi di ciò che accadrà. Inoltre, l'operatore sostiene che se più test covid-19 fossero disponibili all'arrivo e alla partenza dalle destinazioni, si potrebbero evitare quarantene obbligatorie e limitazioni di viaggio.

Segnali più rosei per il 2021

C'è da dire che l'estate del prossimo anno presenta prospettive più rosee, infatti, il gruppo prevede di operare all'80%. Inoltre, vede una "evoluzione favorevole" delle prenotazioni anticipate per il periodo estivo del prossimo anno, registrando addirittura un aumento del 10% del prezzo medio dei pacchetti turistici prenotati.

Al momento, le prenotazioni per una vacanza nell'estate 2021 registrano una crescita dell'84% rispetto all'anno precedente. Secondo Tui, i viaggi che sono già stati contrattati per il 2021 corrispondono sia a nuove prenotazioni sia a modifiche nelle prenotazioni di vacanze che non è stato possibile effettuare quest'anno a causa della pandemia.

In ogni caso, "il lancio anticipato del programma estate 2021" ha favorito la ripresa delle vendite che si osserva ora. "Vediamo una forte intenzione dei clienti a viaggiare, con molti di loro che vogliono assicurarsi le vacanze estive con largo anticipo", aggiunge il tour operator.

Il caso Whitbread

Per quanto riguarda Whitbread, la catena è intenzionata ad avviare trattative con i dipendenti che potrebbero portare "fino a 6mila esuberi". Numeri alla mano il primo semestre 2020 è stato chiuso con ricavi "significativamente in calo anno su anno", sono diminuiti di oltre il 70%.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us