EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Wttc, nuovo rapporto sul futuro post-Covid

28/09/2020 14:13
Lo studio fornisce raccomandazioni su una ripresa più fluida del settore. Dai consumatori maggiore attenzione alla sostenibilità

Il World Travel & Tourism Council ha presentato un nuovo rapporto che esplora le implicazioni delle tendenze per ciascuno dei quattro principali stakeholder di travel & tourism: viaggiatori, aziende, forza lavoro e comunità.

Wttc, che rappresenta il settore privato globale di viaggi e turismo, ha lavorato a stretto contatto con Oliver Wyman, una società di consulenza gestionale globale.

Il rapporto sottolinea l'importanza di adottare un approccio globale coordinato, ovvero migliorare l'attuale esperienza di viaggio seemless, abbracciando l'integrazione di nuove tecnologie e promulgando protocolli globali per la salute e l'igiene per ricostruire in definitiva la fiducia dei viaggiatori.

In particolare, si sottolinea la necessità per il settore pubblico e privato di lavorare insieme per recuperare i milioni di posti di lavoro interessati, ricostruire la fiducia dei viaggiatori e rafforzare la resilienza del settore. Il rapporto sottolinea che, mentre reimmaginiamo il futuro di viaggi e turismo ed esploriamo le raccomandazioni politiche, ci si aspetta che quattro macro tendenze aprano la strada alla ripresa e oltre: evoluzione della domanda, salute e igiene, innovazione e digitalizzazione e sostenibilità.
 

Secondo il rapporto, il 70% dei turisti nordamericani afferma che prenoterebbe durante COVID-19 se le modifiche fossero gratuite. Inoltre, più di nove consumatori su 10 (92%) si fidano delle raccomandazioni personali in materia di salute e igiene e il 69% dei viaggiatori cita la pulizia come una componente fondamentale della risposta alla crisi di un brand e si prevede che i viaggiatori continueranno prestare maggiore attenzione alla salute e all'igiene anche dopo l’arrivo di un vaccino.

La digitalizzazione è stata fondamentale durante la pandemia COVID-19. Dato il passaggio al lavoro a distanza, così come i blocchi in tutto il mondo, c'è stato un rapido spostamento verso la digitalizzazione, con le persone che si sentono sempre più a proprio agio con un'esperienza di viaggio senza contatto. Il rapporto rivela che è qui per restare con quasi la metà (45%) dei viaggiatori che afferma di essere pronto a passare dai passaporti cartacei a un'identità digitale.

Dai diffusi movimenti contro la disoccupazione e contro il razzismo, al ripristino degli habitat naturali, il mondo è spinto ad affrontare la sostenibilità sociale, ambientale e istituzionale. Inoltre, quasi tre quarti (73%) dei consumatori afferma di prendere atto dei brabd che stanno facendo la differenza durante Covid-19, dimostrando che viene prestata una crescente attenzione alla sostenibilità.

“Questa ricerca completa - spiega Gloria Guevara, presidente e ceo di Wttc - apre la strada alla ripresa per il settore dei viaggi e del turismo. Anche se c'è ancora del lavoro da fare, questo ci dà un'idea di come possiamo affrontare al meglio il recupero e offre una visione e una speranza al settore. È fondamentale continuare a imparare dalle crisi precedenti e unirci in modo coordinato per fare davvero la differenza nel ridurre l'impatto sia economico che umano. Crediamo fermamente che lavorando e adottando un approccio coordinato possiamo sconfiggere in virus e tornare a viaggi sicuri con standard di igiene di livello mondiale per i viaggiatori, rigenerando i posti di lavoro e le condizioni di vita dei 330 milioni di persone che hanno lavorato nel settore”.

Matthieu De Clercq, partner di Oliver Wyman, ha dichiarato: “Il settore dei viaggi e del turismo continuerà a essere fondamentale per lo sviluppo di molte economie. Creare opportunità inclusive per donne, giovani e minoranze allo stesso modo non ha senso solo dal punto di vista economico, ma è anche ciò che vogliono i turisti del futuro. È imperativo andare oltre la crisi e continuare a sostenere il cambiamento sistemico nel settore per migliorare la sua resilienza agli shock futuri e migliorare il suo impatto socio-economico positivo”.

Secondo il rapporto sull'impatto economico 2020 del Wttc, durante il 2019, il turismo è responsabile di un posto di lavoro su 10 (330 milioni in totale), fornendo un contributo del 10,3% al Pil globale e generando uno su quattro di tutti i nuovi posti di lavoro.

Il rapporto offre consigli su come il settore dei viaggi e del turismo possa garantire una ripresa più fluida. Questi includono:
Apertura delle frontiere e rimpatrio: un approccio armonizzato per rimuovere le restrizioni di viaggio, con una precedente valutazione del rischio in atto, così come test di contatto standardizzati e requisiti di tracciamento alla partenza.

Definire standard di salute e sicurezza comuni: il settore pubblico e privato dovrebbero concordare congiuntamente l'implementazione di standard di salute e sicurezza in tutti i settori all'interno di travel & tourism.

Rafforzare i programmi di sostegno ai lavoratori: fornire protezione sui salari e sussidi salariali, nonché controlli generali di stimolo al consumo e dilazioni di pagamento delle tasse.

Incentivare i viaggi: introduzione di incentivi ai consumatori per le spese di viaggio, iniziando dai viaggiatori nazionali e espandendosi a quelli internazionali il più rapidamente possibile.

Promuovere il turismo a partire dai viaggi nazionali e regionali: per capitalizzare la ripresa iniziale, i governi, gli enti e le organizzazioni del turismo dovrebbero indirizzare i loro primi sforzi di marketing e promozione per incentivare i viaggi nazionali e regionali. È importante sottolineare che dovrebbero anche preparare e fornire incentivi promozionali e di marketing precoci per stimolare la ricrescita e il recupero rapido dei viaggi interni e del turismo.

Estendere l'infrastruttura digitale alle destinazioni rurali: gli investimenti nell'infrastruttura digitale delle destinazioni emergenti e delle aree remote saranno fondamentali, così come il miglioramento delle competenze digitali all'interno delle comunità locali.

Integrare le identità digitali: accelerare l'adozione di identità e soluzioni digitali sarà fondamentale per massimizzare l'accuratezza per la protezione della salute e della sicurezza, riducendo al contempo i pregiudizi nel controllo delle frontiere e accelerando il movimento dei passeggeri.

Ripensare il posto di lavoro: il rapido passaggio al lavoro a distanza richiederà che i settori pubblico e privato si uniscano per determinare come ottimizzare i nuovi accordi di lavoro.

Stimolare pratiche di sostenibilità: sviluppare e fornire incentivi per incoraggiare l'attuazione di misure di sostenibilità nel settore privato.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us