EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > RUBRICHE - Attualità

Mappamondo: “Cuba non brilla, ma stimiamo chiusura di stagione a +10%”

Abituato a crescite del 30%, l'operatore fa il punto sull'isola caraibica dove per agosto e Capodanno ha importanti allotment e uffici propri dal 1995

A Cuba Mappamondo non è un operatore di passaggio, a L’Avana ha uffici propri dal 1995 e con una forte specializzazione offre un prodotto di linea con hotel a contratti diretti. Come lavora sull’Isla Grande l’operatore ha voluto raccontarlo alle agenzie di viaggio ieri sera a Roma, in un incontro organizzato in collaborazione con l’ufficio turistico di Cuba.

“Dopo l’Oriente e gli Emirati, è la  nostra terza destinazione - ha dichiarato Francesco Maio, direttore commerciale -: lo scorso anno abbiamo fatto viaggiare sull’isola 600 clienti e negli ultimi due anni siamo cresciuti con un ritmo costante del 30%. Diamo la possibilità di vendere Cuba quando serve, ad agosto e a dicembre per esempio, e questo perché scegliamo di impegnarci sull’alta stagione con allotment che ci consentono di poter dare molto prodotto a conferma immediata. Gli stessi impegni li abbiamo anche sulla Thailandia, in Indonesia, sul Perù e a Capodanno anche sugli Emirati.

L’estate per Cuba non è brillante, lo dico perché siamo un operatore che non si nasconde- ha spiegato Marco Cifani, direttore generale del t.o.- sono fiducioso su una chiusura di stagione sul +10%.  Il motivo non è così chiaro considerate le aspettative ma credo che debba essere rintracciato probabilmente nella mancanza di una visione a lungo termine per il Paese che lo porta ad avere fasi altalenanti. Nessuno può prevedere cosa succederà nel Paese. E’ proprio questa una delle ragioni per cui la destinazione va venduta in modo corretto e per farlo - continua- c’è ancora tantissimo da scoprire e da conoscere. La destinazione richiede un continuo aggiornamento, soprattutto se si tiene a mente che gli importanti investimenti turistici che interesseranno l’isola nei prossimi 4-5 anni trasformeranno senza dubbio gli scenari dell’offerta”.

Insieme ai soggiorni balneari, Mappamondo propone il “Tutto Cuba 1”, un tour in esclusiva che con guida in italiano conduce i viaggiatori alla scoperta delle atmosfere autentiche del Paese attraversando Vinales, Cienfuegos, Trinidad, Sancti Spiritus e Santa Clara prima di raggiungere Varadero o Cayo Santa Maria.

L’impegno è forte anche sulla ricerca di soluzioni ricettive alternative che hanno visto l’ingresso in catalogo delle case particular: “Nulla è lasciato all’improvvisazione - ha spiegato Cifani - sono andato personalmente a visitarle e la selezione è stata accurata per poter garantire ai clienti sistemazioni suggestive e di charme. A Trinidad per esempio, dove ci sono davvero pochi alberghi, queste sistemazioni ci consentono di offrire soluzioni di pernottamento in centro città, perché si possa godere appieno la sua atmosfera”.

Sull’altro versante, a Oriente, la destinazione che sta registrando la performance migliore è l’Indonesia: “Gli italiani sono tornati a chiederla ed il mercato ci riconosce come specialista storico - il commento di Francesco Maio - sulla Thailandia, nostro primo prodotto, ora consolidiamo i numeri mentre puntiamo molto sulle Filippine che stanno crescendo”. a. te.

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us