EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Magazine - Primo piano

Adv e Olta: è scontro sul palco

05/05/2014 - numero Edizione 1442
Senza esclusione di colpi. Sul palco del Garden Club di San Vincenzo va in scena un dibattito che mette di fronte Olta e agenzie di viaggi. La premessa è di Luca Caraffini: “Con questi interventi vogliamo capire perché le online travel agency stanno acquisendo sempre più clienti, anche a discapito delle agenzie.
È nostro dovere sensibilizzarvi e farvi capire come il cliente stia modificando i propri comportamenti, diventando sempre più liquido e passando attraverso il web”.
Il primo a parlare è Stefano Ponari, marketing manager di Yalla Yalla, che illustra i risultati ottenuti dalla paperella gialla che ha sotto contratto 70 operatori, con 65 milioni di euro di fatturato, 85mila passeggeri e 1824 agenzie affiliate a cui offre tariffe nette con possibilità di gestire il markup.
Dalla platea arrivano i primi mugugni. Poi è il turno di Michele Parisi, sales & marketing director di Vola in Crociera, Olta specializzata con un turnover di 10 milioni di euro sul mercato italiano e investimenti per 100mila euro sul web e nella produzione di contenuti. Le agenzie adesso fremono, ribollono, si chiedono perché devono ascoltare le storie di successo dei loro “nemici”.
Tocca a Dante Colitta rendere l’atmosfera rovente: “Noi siamo pronti ad affrontare questa sfida ma non crediamo che i clienti vadano via dalle agenzie perché trovano contenuti migliori sul web. Noi ci mettiamo la faccia, non un call center”. Partono i primi applausi. Gli agenti prendono coraggio e il dibattito si infiamma: “Hanno prezzi più bassi perché stipulano contratti migliori con i fornitori”.
“Loro sono avvantaggiati perché vendono solo un prodotto”, ringhiano dalla platea. Sul palco Colitta gestisce la situazione alla perfezione, punzecchiando le Olta sulla legalità di certe iniziative, ricordando il caso Todomondo e gelando le agenzie quando è necessario: “Se loro vendono un solo prodotto, vi prendete una persona e la formate solo sulle crociere”.
Ma i tempi stringono e lo show (poco talk) deve proseguire. Dante scende dal palco, si prende i complimenti di Luca che gli sussurra un “bravo” all’orecchio e lascia spazio a Franco Cordero. Il motivatore, con una certa nonchalance, tira fuori dalla tasca una pistola e spara due colpi a salve in direzione di Ponari e Parisi che stanno al gioco e si danno alla fuga.
“Vorremmo che questa fosse la soluzione alle nostre difficoltà, ma internet non è il principale problema. A volte il nostro vero nemico è davanti allo specchio. Noi stessi”.

Giovanni Ferrario

TAGS

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us