EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Magazine - Speciale Grecia e Cipro

Al lavoro sui prezzi

04/04/2016 - numero Edizione 1501

Una vacanza in Grecia costa di più? L’incremento delle tasse a destinazione è oggettivo, e dunque i costi sono aumentati, ma gli operatori hanno lavorato per contenere questo incremento.

Rinegoziazione
Così ha fatto Best Tours Italia, che a fronte di rincari anche sensibili, in alcuni periodi è riuscito a mantenere i prezzi invariati. Isabella Candelori, InViaggi, ci dice che i prezzi sono in linea con i listini dello scorso anno: “In catalogo si possono trovare ottime soluzioni per i club, m anche nelle altre linee di business: Apple, Fruit e Prestige. Molteplici anche le proposte nella sezione InViaggi in Libertà, piattaforma b2b dove è possibile combinare le migliori soluzioni volo + hotel a partire dalle 3 notti”.
Da Alpitour rilevano che “si è verificato un leggero aumento dei costi, anche se non generalizzato a tutta la Grecia: abbiamo puntato soprattutto su strutture che, grazie alla forte rinegoziazione contrattuale, ci hanno permesso di contenere i prezzi, minimizzando gli aumenti e restando, così, competitivi sul mercato”. Cartelli di Eden Viaggi rimarca che, in linea di massima, “il prezzo medio di quest’anno è molto simile al precedente, abbiamo infatti cercato di contenere i prezzi per poter offrire una certa stabilità ai nostri clienti”. Conferme su questo fronte anche da Ostana, Settemari: il rincaro dell’Iva ha sì aumentato i prezzi, “ma l’ordine di grandezza delle cifre è rimasta sostanzialmente invariata, anche grazie all’andamento dei prezzi carburante”.

Il parere delle agenzie
Il lavoro fatto dai tour operator per limare le tariffe  sono stati percepiti dal trade. Il dato emerge da una seconda domanda posta dall’Osservatorio Guida Viaggi al panel di agenzie di viaggi (il grafico relativo non è stato qui riportato, ndr). Per il 53% dei rispondenti i prezzi sono rimasti invariati rispetto all’anno passato. Un buon 23% rimarca che, in effetti, un incremento c’è stato, un 2% osserva una diminuzione, mentre il restante 22%, quota non trascurabile, non ha un’opinione precisa in merito.



Emanuela Comelli

TAGS

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us