EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Magazine - Paesi al microscopio - Kenya, Tanzania e Zanzibar

Prodotti green per i t.o

16/09/2019 - numero Edizione 1576

Le novità di programmazione degli operatori 

Per spingere ulteriormente le vendite di Kenya, Tanzania e Zanzibar alcuni t.o. hanno costruito proposte viaggio che strizzano l’occhio al concetto di sostenibilità. Come quelle inserite nel catalogo Sensibility di Made. “Sono due le proposte che riguardano i tour in Kenya – afferma Silvia Brunetti, business unit director -: ‘L’anima verde del Kenya’ - pacchetto di safari naturalistici nella riserva Masai Mara e nel parco nazionale Lake Nakuru - e ‘Il cuore del continente nero’, che porta i clienti fuori dai soliti circuiti turistici nella Lewa Wildlife Conservancy, rinomata per la più alta concentrazione di zebre di Grevy al mondo e la presenza di oltre 130 tra rinoceronti neri e bianchi. Entrambi i tour hanno come obiettivo quello di creare collaborazioni con le popolazioni locali per la conservazione della natura, sostenendo al tempo stesso programmi volti a migliorare le condizioni di vita delle stesse comunità”. In Tanzania, tra le nuove proposte dei t.o. ci sono le riserve di Ruaha e Selous, rinomate per il bird watching. Per quanto riguarda il Kenya, Margò consiglia di tenere d’occhio la zona di Diani beach, a sud, spiagge bianchissime e profonde. La nuova programmazione di Margò è ancora work in progress, “ma – assicura Ilaria Ceriello, product manager del t.o. - avremo un nuovo prodotto direttamente affacciato sulla spiaggia di Kendwa, a nord, una delle poche di tutta Zanzibar a non essere soggetta al fenomeno delle maree. A fine settembre uscirà il catalogo del prossimo anno con tutte le novità su cui stiamo lavorando”.
Novità anche in casa Jump: “Come prodotto Uvet hotel company (Uhc), sarà rilevante l'inaugurazione nel corso del 2020 di Kilindini a Zanzibar nella zona di Pwani Mchangani, tuttora in fase di costruzione”, ha sottolineato Leonardo Rosatelli, direttore  generale.
In casa Naar si punta su “safari Kenya+mare Mozambico+tour in italiano”; è previsto, inoltre, l’inserimento di nuove strutture in programmazione. “Agli Explora Club (Sandies Baobab a Zanzibar e Gecko Resort in Kenya) e Swanclub (Garoda Resort in Kenya), si affiancano tutte le proposte generaliste tra cui il Diamond Mapenzi, Hakuna Majiwe, il Leopard Beach Resort, Papillon Lagoon Reef – specifica Alessandro Seghi, a.d. di Press & Swan -. Possiamo inoltre annoverare l’introduzione dei nuovi Explora Tour, soluzioni esclusive garantite, minimo due partecipanti, per sola clientela italiana. Si tratta di tre nuovi itinerari, uno in Kenya e due in Tanzania”.
Per Settemari la novità è, invece, il Settemari Balance Club Paje Beach Resort a Zanzibar: “Struttura raccolta – racconta Sabrina Scaglioni, product manager -, è costituita da bungalow a un piano, ognuno con il suo patio, disseminati in un giardino tropicale. La gestione italiana si fonde con lo spirito e l'accoglienza africana. Dista circa 2 km dal paesino di Paje, una delle località più affascinanti dell'isola, ricca di negozi e locali che si alternano a bancarelle”. “Abbiamo aumentato in modo significativo le strutture proposte dal brand Karambola – commenta Andrea Moscardini, direttore commerciale delle divisioni Alpitour e Francorosso -, una scelta che ci sta dando ottimi ritorni in termini di vendite”.
Svariate le novità targate Il Diamante: “Cambia completamente volto uno dei nostri tour più venduti – sostiene il pm Africa equatoriale Massimo Gallo -, il ‘Tanzania mosaico’, che, dal 1° gennaio, si avvarrà di sistemazioni, così come per il ‘Ritmo della Tanzania’, in piccoli lodge e campi tendati. Non solo, i due campi tendati nel Serengeti e nel Tarangire, con quest’ultimo che aprirà a dicembre, saranno a tutti gli effetti un prodotto glamping”. Per quanto riguarda il Kenya, il manager richiama l’attenzione sui “nuovi itinerari combinati safari più mare, un tour esclusivo fly-in safari, per clientela di alto livello, mentre per il nostro prodotto di punta, ‘Kenya Mosaico’, inseriremo la sistemazione, nella riserva Samburu e nel Masai Mara, in due campi tendati di ottimo livello situati in posizione strategiche. Inoltre utilizzeremo per tutti i nostri tour, land cruiser Toyota 4x4 da 6 posti, tutti finestrino, al posto dei minibus adoperati fino a quest’anno”.
Ma quali sono le nuove aree da proporre all’interno di ciascun Paese? A luglio 2020, a Zanzibar  “prevediamo di inserire nella programmazione il SettemariClub Kilindini”, anticipa Scaglioni. Due, invece, i focus di Press & Swan: “La prima è il safari Selous, un itinerario che combina Zanzibar al parco nazionale Selous, uno dei più rinomati del sud della destinazione – specifica Seghi -. Offre la possibilità di coniugare safari in macchina, a piedi e in barca per un’esperienza di viaggio davvero completa”. La seconda è il glamping Serengeti: “Un itinerario che associa due parchi ‘classici’ come il Serengeti e Ngorongoro, alloggiando in lussuosi campi tendati posizionati all’interno”. Per altri la chiave è l’esperienzialità: “Come gruppo Alpitour abbiamo investito da alcune stagioni sull’esperienzialità – afferma Moscardini - ponendo grande attenzione all’unicità e alla qualità di momenti unici che mete come il Kenya e la Tanzania sanno riservare”.     

 



Silvia Pigozzo e Nicoletta Somma

TAGS

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us