Volotea, in tre per la nuova base

“Genova rientra nella rosa delle candidate, insieme ad altre due città. Entro fine anno annunceremo la finalista, che diventerà la nostra prossima base in Italia”.
Così Valeria Rebasti, commercial country manager Volotea in Italia. Dall’aeroporto ligure la low cost ha di recente annunciato la nuova rotta bisettimanale per Cagliari, che decollerà il 29 maggio e che porta a sette il numero delle destinazioni servite dallo scalo.
Massimo riserbo sulle altre due città nel mirino, anche se qualche indizio non manca: “Si tratta di due aeroporti nel Sud Italia e che già appartengono al nostro network”. La manager si dice, frattanto, soddisfatta dei risultati messi a segno nel 2015: “A livello di network – commenta – sono stati 2,5 mln i passeggeri, per un incremento del 47%; per l’Italia abbiamo registrato oltre 1,5 mln di pax, per un aumento del 40%”.
E come sta andando Verona, che ha guadagnato a novembre dell’anno passato lo status di terza base sul territorio tricolore, aggiungendosi a Venezia e Palermo? “Bene – risponde Rebasti -; per l’estate abbiamo annunciato 4 nuove tratte (Palma di Maiorca, Santorini, Ibiza e Olbia, ndr) che porteranno a 13 il numero di destinazioni servite e a un incremento dei passeggeri del 133%”.
Se i competitor scaldano i motori per feederare il long haul, Volotea al momento non sembra intenzionata scendere in pista, almeno non nell’immediato: “Continuiamo a essere una point-to-point. Rispetto a 15 anni fa il trasporto aereo ha conosciuto profondi cambiamenti e negli ultimi due direi che abbiamo assistito a quelli più radicali. Non stiamo guardando attualmente a quel tipo di operazioni, ma mai dire mai”.

Previsioni per l’anno positive
Quanto conta l’incoming per Volotea? “L’87% dei voli in Italia è rappresentato da traffico domestico. Noi tentiamo di spingerlo: Venezia, chiaramente non ne ha bisogno, per Palermo il primo mercato è quello francese, Napoli è meno nota su questo bacino e stiamo cercando di farla conoscere”.
In generale le previsioni per l’anno in corso sul nostro Paese sono positive: “La nostra capacità per il 2016 è di 2.750.000 posti, pari a un +31,8% rispetto al 2015”. 

Sbarco in Borsa confermato
Volotea ha confermato la sua intenzione di quotarsi in Borsa, comunicandolo formalmente alla Comisión Nacional del Mercado de Valores (CNMV). “L’Ipo consisterà in un’offerta di nuove azioni e di titoli esistenti”, ha risposto a Guida Viaggi un portavoce della compagnia interpellato in merito.
Quando l’operazione avrà luogo “non si può specificare, dipenderà dalla volatilità del mercato”.                                                                                         

Tags: ,

Potrebbe interessarti