Tedeschi in vacanza: Spagna e Italia favorite

Le stime relative al fatturato per il 2016 sono ottimiste per il turismo in Germania e prevedono un +2-3% di aumento delle vendite dei pacchetti viaggio”. A dichiararlo è l’Enit, che sottolinea comunque come “l’anno non sia iniziato bene, con un crollo delle prenotazioni specialmente su Turchia, Egitto e Tunisia, per ragioni legate al terrorismo e alla sicurezza”.

Secondo un’indagine di ricerca dell’istituto Stiftung für Zukunftsfragen pubblicato il mese scorso, “il 24% dei tedeschi ha programmato le vacanze in Germania – riferisce l’Enit – e il 38% preferisce trascorrere le ferie in Paesi europei, di cui la Spagna al 1° posto, l’Italia al 2° e la Turchia per adesso ancora al 3° posto. Previsioni per un incremento delle prenotazioni ci sono anche per Grecia e Portogallo”.

C’è però ancora una buona fetta di indecisi: il 29 % dei tedeschi non ha ancora deciso dove trascorrere le vacanze 2016. “Per la prima volta dal 2010 – prosegue l’Enit – è diminuita la percentuale dei viaggiatori con almeno un viaggio della durata superiore a 5 giorni (54% nel 2015 contro il 57% del 2014). Soprattutto la categoria dei best ager (dai 55 anni in su) e i giovani sono insicuri per motivi economici e politici.

La domanda più forte proviene dalle persone di mezza età (tra i 35 e i 54 anni), che lavorano, hanno uno stipendio medio-alto e non vogliono rinunciare alle vacanze”. In generale è cresciuta l’accuratezza e l’attenzione nella scelta della destinazione a causa della paura di eventuali attentati terroristici.

E sulle tipologie di prodotto, si nota un incremento di interesse per mete meno conosciute, perlopiù cittadine e località dell’entroterra, borghi e agriturismi, turismo verde, offerte enogastronomiche, turismo attivo (cicloturismo, trekking, escursionismo). l.d.

Tags: ,

Potrebbe interessarti