Ota: “Italia richiesta come non si vedeva da tempo”

“La richiesta per il mare Italia è molto alta, soprattutto dal mercato estero, ma bisogna stare attenti. Occorre rispettare i “vecchi” clienti. Lo scaffale mare Italia per gli italiani rischia di ridursi, tenuto conto che i nostro connazionali si muovono dopo gli altri mercati. Ci potrebbe essere difficoltà a trovare posto”. Parte da questa considerazione la chiacchierata con Massimo Diana, direzione commerciale di Ota Viaggi. Il manager rimarca un flusso di prenotazioni importante, “che si era perso negli ultimi anni a causa della crisi”. Il t.o. ha aumentato l’offerta, con una disponibilità delle camere tra il 10 e il 15% superiore rispetto al 2015, anno “già ricco”. Nessun cambiamento nella politica commerciale del t.o. che, rimarca in chiusura Diana, ha un rapporto proficuo con il trade: “Le agenzie, dopo anni di semina, hanno capito che Ota ha puntato su di loro e le rispetta”. e.c.

Tags:

Potrebbe interessarti