Cartorange: ecco dove trascorrere una notte insolita

Sette luoghi insoliti in cui il pernottamento si trasforma in esperienza: a indicarli CartOrange, sulla base delle proposte selezionate dai Travel Stylist.
In Perù, si può dormire al Museo Archeologico Antonini di Nazca, gestito dal Centro Italiano Studi e Ricerche Archeologiche Precolombiane, nelle camere lasciate libere dai ricercatori oppure in un campo tendato fra le dune, nella Riserva di Paracas.
Per gli amanti dell’acqua, c'è la Baia di Ha Long nel Golfo del Tonchino, in Vietnam, dichiarata Patrimonio Unesco per il panorama costituito da 2.000 isolette punteggiate di grotte: qui CartOrange propone un pernottamento in barca.
Avete nel cuore fin da bambini il sogno di una casa sull'albero? È possibile realizzarlo in Sri Lanka: il resort 98 Acres a Ella è immerso fra piantagioni di the e cascate e gli chalet sono tutt’uno con le piante.
Per i patiti dei viaggi culturali, in Albania, ad Argirocastro, chiamata “la città di pietra”, si può dormire nelle kule, le case-torri ottomane, in Uzbekistan in una madrasa, antica scuola coranica oggi riconvertita in hotel o in Portogallo al Palacio do Freixo a Porto: costruito a metà del 19esimo secolo, è uno degli esempi più belli di architettura barocca portoghese e la facciata è stata dichiarata monumento nazionale nel 1910.
Se la vista è ciò che vi interessa, Cartorange suggerisce The View, in Oman, hotel ecosostenibile perfettamente integrato nel paesaggio delle montagne di Jabal Shams o a Machu Picchu, in Perù, il Belmond Sanctuary Lodge.
Per chi è attratto da un'esperienza a contatto a gente del posto, c’è il pernottamento nei ryokan, le case tradizionali giapponesi in legno arredate con tatami e futon o in una casa particular a Cuba.

 

Tags:

Potrebbe interessarti