Focus sul Belpaese per Captain Train

Focus sul Belpaese per Captain Train: “LItalia sarà il secondo mercato su cui puntare dopo quello francese”. A parlare Benedetto Levi, country manager Italy della piattaforma per la prenotazione e l’acquisto di biglietti ferroviari nata in Francia nel 2009. E’ di oggi l’annuncio della nuova sezione ad hoc per il mondo business: “Ha tutti i vantaggi dell’offerta per i privati, cui si somma una serie di funzionalità dedicate specificatamente alle aziende”, prosegue il manager, come la contabilità unificata e il sistema di reportistica che tiene traccia degli acquisti effettuati, la possibilità di utilizzare carte sconto Italo e Trenitalia. Per accedervi basta creare un profilo nella sezione apposita, incaricando un amministratore che a sua volta potrà invitare gli altri colleghi a registrarsi. Captain Train, il cui servizio è accessibile via web e mobile con App per iOS e Android, commercializza i biglietti di 14 operatori ferroviari in 19 Paesi e serve 21.568 stazioni “al miglior prezzo e senza alcun costo aggiuntivo – spiega Levi -. Questo è possibile perché solo siamo connessi al sistema di prenotazione delle compagnie e quale loro ‘distributore ufficiale’ nel Paese di riferimento, ci riconoscono una piccola commissione per ogni biglietto venduto”. La media dei biglietti venduti è 5mila al giorno, quale l’ordine di grandezza della commissione, chiediamo? “Rimane al di sotto del 10% – risponde Levi -, con differenze da Paese a Paese”. Captain Train è al momento solo b2c, in previsione potrebbe esserci una sezione per le agenzie? “Sono l’interlocutore più immediato. Sì, in futuro potrebbe”. A marzo di quest’anno la società ha raggiunto gli 1,5 mln di utenti registrati. In Italia commercializza Thello, Italo, Trenitalia e Trenord. La base utenti nel nostro Paese, “è per il 60% concentrata al Nord, al 26% nel Centro e al 14% nel Sud. Il 64% acquista biglietti da web, il 22% da dispositivi iOS e il 14% da Android”. n.s.

Tags: , , , ,

Potrebbe interessarti