Gli stranieri trainano i numeri della Liguria turistica

Il turismo ligure ha registrato nel 2015 numeri decisamente migliori che nel 2014: gli arrivi sono aumentati del 7,9% e le giornate di presenza del 6,3%. Dei 4.395.933 di clienti arrivati, il 55% è rappresentato da italiani, in crescita del 6,7% rispetto al 2014, e il restante 45% da stranieri, che hanno registrato un aumento del 9,4%. Le presenze ammontano a 14.333.285, di cui il 60% italiane, in aumento del 5,4%, e il 40% straniere, che segnano un +7,7% rispetto all’anno precedente.

Dall’analisi della provenienza dei turisti italiani verso le destinazioni liguri, si confermano al primo posto i lombardi con circa 865 mila arrivi (+7,5% rispetto al 2014) e oltre 3 milioni e mezzo di presenze (+5%); seguono i piemontesi con 645 mila arrivi (+8,6%) e circa 2 milioni e mezzo di presenze (+6,4%), entrambi bacini di utenza “tradizionali” per la Liguria. Il turismo regionale interno copre il 7,4% per quanto riguarda gli arrivi e il 7,6% le presenze.

Sul fronte del turismo straniero i tedeschi rappresentano sempre il primo mercato estero per le giornate di presenza (20,5% il peso sul totale degli stranieri), in aumento rispetto all’anno precedente del 5,5%, ma non più per il numero di clienti arrivati: già dal 2014, infatti, gli arrivi più numerosi sono stati quelli francesi che, anche nel 2015, confermano la loro supremazia con una quota pari al 15,8% sul totale degli stranieri e un aumento del 13,9%. Seguono gli svizzeri con una crescita pari al 6% sia degli arrivi che delle presenze.
Da segnalare il rapido sviluppo del mercato asiatico, con una crescita degli arrivi pari al 36,3% e delle presenze pari al 35,9%: al primo posto la componente cinese che nel 2015 ha visto quasi raddoppiare il numero di clienti e le giornate di presenza.

Gli arrivi nelle strutture alberghiere ammontano a 3.321.807 (+3,9% rispetto al 2014): la quota degli stranieri sale dal 44,6% al 45,1% del totale. Ma sono le strutture ricettive complementari ad aver registrato la performance migliore con 1.074.126 arrivi (+2,7%): anche in questo caso la percentuale della componente straniera sul totale risulta in crescita (dal 44,3% al 45,1%).
Sul fronte delle presenze, il turismo alberghiero è aumentato del 3,2% (9.568.824 giornate), con una crescita sia degli stranieri (+4,6%) che delle presenze nazionali (+2,2%).
Migliore la performance per il comparto extralberghiero (+13,3%): la componente italiana è aumentata dell’11,9% e quella estera del 15,7%.

Tags:

Potrebbe interessarti