Grimaldi e la guerra delle rotte

Una nuova rotta per la Sardegna, una politica tariffaria aggressiva per l’estate 2016 e ulteriori investimenti nel prossimo futuro. E’ questo il quadro che Grimaldi Lines ha presentato nel corso dell’inaugurazione del collegamento quotidiano tra Civitavecchia e Olbia, che sarà operativo fin da subito con la new entry Cruise Olbia, nave che ha ospitato l’evento e che ha comportato per Grimaldi un investimento complessivo di circa 70 milioni di euro. La nuova tratta completa un’offerta passeggeri da e verso l’isola che poteva già contare sulla Civitavecchia–Porto Torres e sulla Livorno-Olbia: “Su quest’ultima rotta – ha spiegato Guido Grimaldi, corporate Short Sea Shipping commercial director del gruppo – da giugno raddoppieremo i collegamenti, affiancando alla Zeus Palace la nave Cruise Smeralda”. “Con il varo di queste nuove linee – ha continuato Grimaldi – puntiamo a conquistare il 50% del traffico merci e passeggeri da e per la Sardegna entro un anno e mezzo”. Un obiettivo importante per un gruppo che, nelle parole di Grimaldi, “ha chiuso il 2015 con un fatturato record di 3,1 miliardi di euro, investendo in nuove costruzioni 5 miliardi di euro in dieci anni” e che non teme di sfidare, sulle destinazioni sarde e con evidente riferimento al gruppo Tirrenia-Moby, “situazioni di sostanziale monopolio, che hanno avuto effetti nefasti anche sull’indotto e che beneficiano tra l’altro di convenzioni pubbliche milionarie che vanno contro la libera concorrenza e che non sono giustificate nelle loro proporzioni, visto il calo del prezzo del petrolio”.
Sull’attuale tendenza alla concentrazione dei vettori del settore e sulla contemporanea uscita dei fondi equity dallo shipping, Grimaldi non è preoccupato: “Il nostro gruppo è estraneo al mondo dei fondi internazionali, ed ha sempre contato sul proprio patrimonio e sul suo essere una grande azienda familiare e autosufficiente”.

Il canale agenziale
Quanto alla rete di vendita, la passenger department manager Francesca Marino ha rivelato che “il canale principale resta quello agenziale, anche se la Sardegna mostra un sempre più importante apporto del web. Le adv – ha continuato Marino – sanno intercettare e spostare flussi, e con noi sanno di poter offrire un pacchetto completo e con una buona marginalità: anche per questo non abbiamo modificato la nostra politica commissionale, preferendo agire sull’overcommission con obiettivi di fatturato”.

Le promozioni
“Le nostre promozioni per l’estate 2016 per la Sardegna sono tre e sono valide su tutti i canali: l’advanced booking, che entro il 31 maggio garantisce sconti del 30%; il last minute, che permetterà di acquistare passaggi ponte a 1 euro più tasse con un anticipo di massimo sette giorni; l’offerta Super100 Sardegna, che prevede 100.000 passaggi ponte completamente gratuiti dalla Sardegna al continente per viaggi a/r prenotati contestualmente entro il 31 maggio”.

Tags: ,

Potrebbe interessarti