Il lato b2b di Skyscanner

Giura di non volere diventare una Ota, sospetto che ha spinto la richiesta di questa intervista a Skyscanner quando una fonte ci dice di avere raccolto voci su accordi di full content agreement tra il motore di ricerca e le compagnie aeree.
“Siamo fermamente convinti che i viaggiatori debbano beneficiare di un motore imparziale con la miglior copertura di rotte e rigidi standard di qualità, per questo mostriamo sia i prezzi offerti dalle compagnie aeree, sia dalle agenzie di viaggio online per dare la più ampia scelta possibile”, spiega Filippo De Matteis, marketing manager per l’Italia. Ciò detto, abbiamo voluto capire di più del lato b2b della società “che aiuta oltre 50 milioni di persone a trovare le opzioni di viaggio più adatte, in 30 lingue”.

Gv: Come funziona il rapporto commerciale con hotel e compagnie aeree?
“Abbiamo relazioni dirette con oltre 1.200 partner (voli, hotel e auto) e diamo la possibilità di ricercare fra oltre 500mila alberghi e 800 fornitori di car rental. Offriamo un servizio imparziale e gratuito di ricerca e confronto. Riguardo al nostro modello di business, è una combinazione fra commissioni e pubblicità. I nostri ricavi sono costituiti dalle commissioni sulle prenotazioni, che dal nostro sito dirigiamo verso quelli dei nostri partner e in piccola parte dalla pubblicità sui nostri prodotti.
A differenza delle agenzie di viaggio online, Skyscanner non vende biglietti direttamente”.

Gv: Si stanno incrementando gli accordi per la vendita di prodotti specifici?
“Skyscanner for business (Api e white label) ha raddoppiato i ricavi e lanciato il prodotto white label per l’autonoleggio. In tutto offriamo soluzioni a 600 partner, tra cui grandi marchi come Microsoft, Lonely Planet, Flybe, GoEuro. La nostra Api è molto versatile e numerose aziende la stanno utilizzando, come ad esempio l’assistente vocale Alexa di Amazon, per permettere a un pubblico sempre più ampio di accedere alla ricerca voli attraverso nuovi dispositivi”.

Gv: Pensate di dare anche alla distribuzione turistica tool b2b evoluti?
“Al momento ci stiamo focalizzando sull’ulteriore sviluppo dell’offerta di prodotto, sull’esperienza da mobile, ma anche su strumenti come la prenotazione agevolata. A questo riguardo, abbiamo avviato delle conversazioni con numerose agenzie di viaggio online sull’integrazione della prenotazione agevolata sul nostro sito. Stiamo effettuando delle prove con Bravofly-Lastminute.com e ci aspettiamo di renderlo presto disponibile”.                    

Tags: ,

Potrebbe interessarti